Arriva il nuovo Passaporto Elettronico

598

Nel corso dell'ultimo anno in redazione la domanda alla quale abbiamo risposto con più frequenza è stata: ma il mio passaporto è valido per gli Stati Uniti? Abbiamo per questo motivo fatto una ricerca incrociata su diverse fonti ufficiali, dal Dipartimento della Sicurezza americana alla Polizia di Stato italiana per cercare di fare chiarezza su questo punto dato che è una problematica che ci conivolge tutti in vista del prossimo viaggio negli Stati Uniti. Vorremmo infatti evitare che qualcuno rinunci al proprio sogno americano per cause burocratiche che si sono rese necessarie in seguito all'11 settembre 2001.

E' nostra intenzione quindi aiutarvi ad ottenere il passaporto e a capire se quello in vostro possesso è valido o meno. Per prima cosa bisogna partire da un presupposto molto semplice: l'Italia, insieme ad altri 26 Paesi, fa parte del programma "Viaggio Senza Visto (VWP)" il che significa che non abbiamo necessità di un visto per entrare negli Stati Uniti se viaggiamo per turismo o per affari per un periodo non superiore ai 90 giorni ma ci occorre semplicemente un passaporto valido.

I passaporti attualmente in circolazione sono:
– passaporti a lettura ottica emessi e rinnovati prima del 26 ottobre 2005
– passaporti a lettura ottica con foto digitalizzata emessi dopo il 26 ottobre 2005
– passaporti elettronici che saranno emessi a partire dal 26 ottobre 2006.

Infatti dal prossimo 26 ottobre 2006, tutti i passaporti rilasciati a partire da questa data da un Paese aderente al Programma "Viaggio Senza Visto" devono essere passaporti elettronici affinché i viaggiatori siano idonei ad entrare negli Stati Uniti senza un visto. Un passaporto elettronico è dotato di un chip elettronico a circuito integrato contenente le stesse informazioni stampate sulla pagina dei dati del passaporto: nome e cognome, data di nascita ed altre informazioni anagrafiche del titolare. I passaporti elettronici devono essere conformi agli standard tecnici internazionali stabiliti dalla Organizzazione internazionale dell'aviazione civile.

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 2006 il decreto del 29 novembre 2005 del ministero Italiano degli Affari Esteri che istituisce il passaporto elettronico e ne individua le caratteristiche tecniche. Il nuovo documento è un concentrato di tecnologia "nascosta" in un quadrato di un centimetro. Il chip elettronico, posto nell’ultima pagina del passaporto, conterrà le impronte del viso e delle dita del titolare del passaporto (le impronte digitali saranno rilevate a partire dal 2008) e sarà impossibile da falsificare.
L’emissione dei primi passaporti elettronici richiede una serie di passaggi tecnici e pertanto l'iter che porterà all’emissione sarà graduale e sarà seguita da un periodo di transizione in cui convivranno entrambi i passaporti fino alla scadenza di tutti quelli con foto digitale e a lettura ottica. Per la procedura di richiesta non cambierà molto: l'unica differenza è che il cittadino dovrà farsi rilevare l’impronta del dito indice di entrambe le mani nel momento che si recherà in questura. Portiamo come esempio la questura di Cagliari che dal 26 ottobre 2006 emetterà il nuovo passaporto al prezzo di a 44,66 euro (fissato dal decreto del Ministero dell'Economia) e non comprende la tassa annuale di concessione governativa. I tempi di consegna del nuovo passaporto sono di circa 10/15 giorni.

Un viaggiatore che è in possesso di un passaporto valido e a lettura ottica munito di una fotografia digitale non ha necessità di un nuovo passaporto elettronico fino alla scadenza del passaporto attuale, se il passaporto munito di fotografia digitale è stato rilasciato prima del 26 ottobre 2006.

Un viaggiatore che è in possesso di un passaporto valido e a lettura ottica privo di fotografia digitale non ha necessità di un nuovo passaporto elettronico fino alla scadenza del passaporto attuale se il passaporto a lettura ottica è stato rilasciato prima del 26 ottobre 2005.

Ricapitolando:

A. Passaporti rilasciati a partire dal 26 ottobre 2006
Passaporti elettronici

I nuovi passaporti rilasciati dai Paesi aderenti al Programma "Viaggio Senza Visto" devono essere passaporti elettronici, dotati di chip elettronico a circuito integrato in grado di memorizzare informazioni anagrafiche dalla pagina dei dati e altre informazioni biometriche, come ad esempio la fotografia digitale obbligatoria del titolare. Sarà possibile identificare un passaporto elettronico mediante un simbolo riportato sulla copertina del passaporto stesso.

Se il vostro passaporto non possiede questa caratteristica, potete comunque viaggiare senza un visto se è un passaporto valido rilasciato:
• prima del 26 ottobre 2005 e include un'area a lettura ottica, oppure
• fra il 26 ottobre 2005 e il 25 ottobre 2006 e include una fotografia digitale.
Se vi è stato rilasciato un passaporto a partire dal 26 ottobre 2006 e non si tratta di un passaporto elettronico, dovrete ottenere un visto.

B. Passaporti rilasciati fra il 26 ottobre 2005 e il 25 ottobre 2006
Fotografie digitali

I passaporti rilasciati dai Paesi aderenti al Programma "Viaggio Senza Visto" fra il 26 ottobre 2005 e il 25 ottobre 2006 devono includere una fotografia digitale stampata sulla pagina dei dati, altrimenti il viaggiatore sarà obbligato ad ottenere un visto. Una fotografia digitale è una fotografia stampata sulla pagina e non è incollata o plastificata sul passaporto.

Se il vostro passaporto non possiede questa caratteristica, potete comunque viaggiare senza un visto se:
• vi è stato rilasciato un passaporto valido prima del 26 ottobre 2005 con un'area a lettura ottica, oppure
• siete in possesso di un passaporto elettronico dotato di chip elettronico a
circuito integrato in grado di memorizzare informazioni anagrafiche dalla pagina dei dati e informazioni biometriche, come ad esempio la fotografia digitale del titolare.

Se vi è stato rilasciato un passaporto a partire dal 26 ottobre 2005 e il passaporto non soddisfa i requisiti di una delle due sezioni A o B, dovrete ottenere un visto.

C. Passaporti rilasciati prima del 26 ottobre 2005
Aree a lettura ottica
I passaporti più vecchi, ma tuttora validi, rilasciati dai Paesi aderenti al Programma "Viaggio Senza Visto" prima del 26 ottobre 2005, devono essere dotati di un'area a lettura ottica. Un'area a lettura ottica riporta due righe di testo costituite da lettere, numeri e frecce (<<) in fondo alla pagina contenente le informazioni personali, insieme alla fotografia del titolare.

Se il vostro passaporto non possiede questa caratteristica, avete due opzioni:
• ottenere un nuovo passaporto idoneo se il vostro Paese di nazionalità lo rilascia, oppure
• ottenere un visto.

In ogni caso per qualsiasi dubbio è sempre meglio rivolgersi all'ufficio passaporti del vostro comune di residenza che in ogni caso se non abilitato inviereà la richiesta presso la più vicina Questura abilitata.

Concludiamo con il consigliarvi alcuni siti internet in cui è possibile ottenere informazioni in merito all'argomento.
Polizia di Stato
Ambasciata Americana in Italia
Ufficio degli Affari Consolari del Dipartimento di Stato

Articlolo scritto da: NYC-Site.com