BancaEtruria: relazione trimestrale

191

Si è riunito oggi, sotto la Presidenza di Elio Faralli, il Consiglio di Amministrazione di Banca Etruria che ha approvato la Relazione trimestrale al 30 giugno 2006.

I risultati del Gruppo Etruria
Prosegue anche nel secondo trimestre per il Gruppo Etruria lo sviluppo dei risultati economici e patrimoniali.


Conto Economico riclassificato.
Il margine di interesse si attesta a 44,2 mln di euro con un incremento dello 0,6% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Considerando il dato progressivo da inizio anno il risultato derivante dalla gestione del denaro raggiunge 88,5 mln. di euro superando di 3,1 mln. quello di giugno 2005 (+3,7%).
La performance delle commissioni nette raggiunge i 25,9 mln di euro con una crescita di 2,4 mln. di euro (+10,1%) rispetto al II trimestre 2005 e contribuisce all’incremento tendenziale del semestre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (giugno 2005) pari a 2,5 mln. di euro (+5,4%). Il margine di intermediazione ammonta a 70,5 mln di euro con una flessione del 1,2% rispetto al II trimestre 2005, per effetto della valutazione al fair value che beneficiava dei corsi di borsa più favorevoli registrati nel 2005. Il risultato progressivo da inizio anno registra comunque una crescita di 1,8 mln. di euro rispetto a quello ottenuto nei primi sei mesi dell’anno precedente (+1,3%).
Il risultato netto della gestione finanziaria cresce a 61,9 mln di euro (+5,3%) comprensivo dell’effetto delle rettifiche di valore su crediti per 8,6 mln di euro, contro i 12,6 mln di euro del II trimestre 2005. I costi operativi netti si attestano a 46,2 mln di euro, cresciuti di 1,9 mln in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A fine giugno, il rapporto Cost/Income passa al 62,2% dal 62,4% della fine del 2005.
In crescita l’utile di periodo che ammonta a 13,7 mln di euro con una variazione di circa 800 mila euro (+6,7%) rispetto al II trimestre 2005. Il risultato di periodo, su cui incide il carico fiscale attribuito alla frazione di esercizio trascorso, tiene conto dei proventi netti derivanti dalla dismissione della Rete dei Promotori finanziari (ceduto a Banca Lombarda Private Investiment) e dell’accordo di cessione della Controllata G.E.T. S.p.A., concessionaria del servizio di riscossione tributi del Gruppo Etruria a favore di Riscossione S.p.A., società pubblica partecipata dall’Agenzia delle Entrate e dall’INPS.

Stato Patrimoniale.
I crediti con la clientela raggiungono i 4.992,9 mln di euro registrando un incremento di 255,7 mln. di euro (+5,4%), mentre il totale della raccolta diretta si attesta a 4.870 mln di euro con una crescita di 99,2 mln di euro (+2,1%) rispetto al 31 dicembre 2005.
Per quanto riguarda il portafoglio titoli di proprietà, si registra una crescita del valore complessivo a 1.069,2 mln. di euro da 1.001 mln. della fine dell’anno precedente (+6,4%).

I dati di Banca Etruria
Il secondo trimestre mostra un buon andamento dei principali indici economici e degli aggregati patrimoniali.

Il Conto Economico riclassificato.
Il risultato della gestione finanziaria, al netto di rettifiche realizzate a fronte del portafoglio crediti per 14,3 mln di Euro (24,9 mln nel 2005), raggiunge i 115,4 mln di Euro registrando un tasso di crescita del 11,1% rispetto al risultato del primo semestre del 2005.
Migliora il margine d’intermediazione che con un risultato pari a 65,7 mln di Euro ottiene un incremento del 1,9% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.
Si conferma il buon risultato delle commissioni nette che raggiungono i 19,9 mln di Euro registrando un incremento del 5,9% rispetto al 2005. In controtendenza la dinamica del margine d’interesse attestato a 39,6 mln di Euro (-5,3%), il cui dato tendenziale al 30 giugno 2006 fissa il margine della gestione del denaro a 80,2 mln di euro (-2,4%).
I costi operativi netti si attestano a 41,2 mln di Euro pressoché in linea con il risultato dello stesso periodo dello scorso anno (+ 1 mln di Euro), portando il dato aggregato tendenziale al 30 giugno 2006 a 82 mln di Euro.
Migliora l’indice Cost/Income che passa al 62,6% contro il 66,2% del 2005 calcolato tenendo conto della riclassificazione a fini gestionali secondo i nuovi principi contabili IAS/IFRS.
Il trimestre si chiude con un utile dell’operatività corrente al lordo delle imposte pari a 13,8 mln di Euro in crescita (+16,4%) rispetto allo stesso periodo del 2005, mentre il risultato d’esercizio di periodo raggiunge i 16,7 mln di euro (+54,7% rispetto al 2005), incluse le componenti di utile derivanti da attività in via di dismissione relative all’attività del periodo.

Lo Stato Patrimoniale
I crediti alla clientela di Banca Etruria si attestano a 4.863,9 mln di euro con un incremento rispetto alla fine dell’anno precedente (+4,3%), mentre la raccolta da clientela ammonta a 4.793,2 mln di Euro, registrando un incremento di circa 80 mln di euro (+1,7%) rispetto al risultato di fine anno.

La raccolta indiretta si attesta nel periodo a 3.789,5 mln di euro con una flessione rispetto al 31 dicembre 2005 del 3,6%, dovuta alla ristrutturazione organizzativa che ha interessato la rete commerciale della Banca e alla minore valorizzazione dei prezzi di mercato legata all’andamento di Borsa. Si conferma positiva la performance della raccolta assicurativa (+6,7%) che mantiene un andamento allineato agli obiettivi previsti.

Articlolo scritto da: BancaEtruria