Guarigione definitiva dalla ipertensione arteriosa

4117

ROMA – Importante scoperta italiana: grazie ad uno Studio Multicentrico è stato scoperto che è possibile guarire in modo definitivo dalla ipertensione arteriosa, patologia che affligge circa un terzo degli italiani e che li costringe ad assumere quotidianamente farmaci.

Lo Studio, identificato dall’acronimo PAPY (Primary Aldosteronism Prevalence in Hypertension) ha coinvolto 14 Centri italiani dell’Ipertensione Arteriosa, disseminati su tutto il territorio nazionale, da Reggio Calabria, a Torino, a Trieste.

Lo Studio, supportato dalla Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa, è stato Coordinato dal Prof. Gian Paolo Rossi della IV Clinica Medica e dal Prof. Franco Mantero della Divisione di Endocrinologia dell’Università e Azienda Ospedaliera di Padova ed ha visto la partecipazione, tra le varie Università ed Aziende Ospedaliere, il Policlinico Umberto1, Università degli Studi di Roma “Sapienza”e in particolare il Dipartimento di Scienze Cliniche, Day Hospital di Medicina Interna e dell’Ipertensione Arteriosa, responsabile il Prof. Claudio Letizia.

Attraverso lo screening di 1180 pazienti ipertesi (1125 reali, 55 non rientravano nel protocollo) di nuova diagnosi, indirizzati dai loro Medici di Famiglia ai Centri dell’Ipertensione Arteriosa, lo Studio ha dimostrato che nell’11,2% dei pazienti era presente un eccesso di Aldosterone, cioè una forma di iperaldosteronismo primario.

Nel 4,8%, dei casi, quest’eccesso era dovuto ad un piccolo tumore surrenalico secernente Aldosterone.
L’identificazione del tumore, mediante alcune indagini eseguibili presso i Centri di riferimento dell’Ipertensione Arteriosa, ha consentito ai ricercatori di porre l’indicazione all’asportazione del surrene malato mediante un intervento in laparoscopia.

Nello Studio PAPY ciò ha consentito la guarigione dalla Ipertensione Arteriosa, nella stragrande maggioranza dei pazienti.
Questi risultati sottolineano l’importanza di sottoporre tutti i pazienti ipertesi, in particolare quelli con riduzione dei livelli di Potassiemia, con ipertensione grave e/o resistente alla terapia, quelli giovani ad alcune semplici indagini, eseguibili presso i Centri dell’Ipertensione Arteriosa, allo scopo d’individuare una causa guaribile di Ipertensione Arteriosa.

L'algoritmo diagnostico sviluppato nello Studio PAPY potrebbe, se applicato su ampia scala, consentire la guarigione di un enorme numero di pazienti ipertesi, liberandolo dalla necessità di una terapia farmacologia costosa, per il resto della loro vita.
In altri termini, un semplice screening eseguito tempestivamente può tradursi in un risparmio notevole per il Sistema Sanitario Nazionale.