Nuovo slancio a “Erasmus Mundus”

107

BRUXELLES – La Commissione ha avviato il programma “Erasmus Mundus – Cooperazione esterna” (“Erasmus Mundus External Co-operation Window”), attraverso il quale Bruxelles assegnerà borse di studio a studenti e ricercatori extracomunitari che intendono conseguire un master nell’Ue e sosterrà la mobilità di studenti e ricercatori europei in paesi terzi.

La nuova fase del programma interesserà Algeria, Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Egitto, Georgia, Israele, Giordania, Libano, Libia, Moldavia, Marocco, Siria, Tunisia, Ucraina, la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, Russia, due paesi dell’Asia centrale (Kazakistan e Kirghizistan), Iran, Iraq e Yemen.

Attraverso il bando per il 2006 saranno assegnate in totale 1.300 borse di studio, 110 delle quali riservate a Iran, Iraq e Yemen. In proposito, il commissario europeo per le relazioni esterne e la politica di vicinato, Benita Ferrero-Waldner, ha dichiarato che “per l’Unione europea continuare a incoraggiare e sostenere gli scambi universitari con l’Iran è più importante che mai, alla luce dell’andamento delle relazioni tra questo paese e la comunità internazionale”. Dal 2004, 26 cittadini di Iran e Yemen hanno già usufruito dei fondi di Erasmus Mundus.

Le borse saranno utilizzate sia per incentivare la mobilità degli studenti iscritti a corsi universitari, master e dottorati di ricerca, sia per lo scambio di personale accademico a scopo di insegnamento, formazione e ricerca. A partire dall’anno accademico 2007-2008 la durata delle borse di studio potrà variare dai 3 mesi ai 3 anni. Il meccanismo mira a promuovere legami istituzionali duraturi tra gli atenei attraverso la creazione di consorzi misti, composti da università dell’Unione europea e dei paesi terzi.

Questa nuova iniziativa testimonia l’importanza che l’Ue attribuisce all’istruzione superiore per lo sviluppo sociale ed economico. L’istruzione gioca un ruolo cruciale nella produzione di risorse umane di alta qualità e nella diffusione di scoperte scientifiche e conoscenze avanzate. Nel contesto dell’odierna economia globale e di una società sempre più basata sulla conoscenza, promuovere la cooperazione internazionale e la mobilità tra le istituzioni universitarie, rappresenta un vantaggio per tutti, contribuendo all’arricchimento reciproco delle nazioni e a una migliore comprensione tra i popoli.

– Erasmus Mundus 2006-2007: più di 1.600 partecipanti