Patologia dell’anca: ad Arezzo i massimi esperti del settore

2163

AREZZO – Arriveranno esperti da Monaco di Baviera, ma anche dal Rizzoli di Bologna, dalle Scotte di Siena, dal San Martino di Genova, dal C.T.O. di Firenze. E poi dagli ospedali della nostra provincia dove in tema di protesi dell’anca si è ormai giunti a livelli di vera eccellenza.
Sabato 27 ottobre all’hotel Planet di Rigutino si terrà un importante corso di aggiornamento proprio sulla patologia dell’anca, organizzato dal dr. Patrizio Caldora, direttore dell’U.O. Ortopedia e Traumatologia dell'Ospedale della Valdichiana S. Margherita, dove, solo nell’ultimo anno, si è raggiunta quota mille di interventi chirurgici.
Il corso vedrà affrontare uno spettro completo di argomenti (traumatologia, tecniche in mininvasiva, tipologie protesiche, oncologia e rieducazione funzionale). Si tratta di un atteso appuntamento per tanti operatori del settore, per un aggiornamento sui principali argomenti riguardanti l'anca.
La maggioranza dei relatori è costituita da professionisti di alto spessore sia dal punto di vista chirurgico che scientifico; tra questi spiccano il Prof. Gianfranco Zinghi (massimo esperto italiano del trattamento delle fratture di bacino), il Prof. Heinz Roettinger di Monaco di Baviera (che ha messo a punto una particolare tecnica di accesso miniinvasivo nell'impianto delle artroprotesi di anca), il Prof. Paolo Aglietti (caposaldo scientifico italiano sia nella patologia dell'anca che del ginocchio), il Prof. Aldo Toni (studioso e molto esperto nella tribologia e negli accoppiamenti dei materiali nelle artroprotesi di anca) ed il Prof. Rodolfo Capanna (tra i massimi esperti mondiali della chirurgia ortopedica oncologica).
In questo corso organizzato dal Dottor Caldora sono comunque coinvolti tutti i primari dei reparti di Ortopedia e Traumatologia dell'AUSL 8 Arezzo.
Una iniziativa non rivolta ai soli chirurghi ortopedici, ma anche a medici di altre specialità, di medicina generale, infermieri professionali e fisioterapisti.
Il corso è stato organizzato nell'ambito del “programma nazionale di aggiornamento professionale degli operatori sanitari”.