Nanga Parbat, Simon Kehrer e Walter Nones bloccati a 7mila metri

101

ISLAMABAD – I soccorritori dei due alpinisti Simon Kehrer e Walter Nones ancora bloccati a oltre 7.000 metri di altitudine sul picco del Nanga Parbat sono pronti a intervenire. Attendono solo una schiarita del tempo.
''Non sappiamo ancora se l'intervento di recupero potrà iniziare oggi. Dipende tutto dal tempo. Ieri sera pioveva, ma questa mattina il tempo sta migliorando. Se si schiarisce, l'operazione di recupero inizierà immediatamente. Altrimenti dovremo attendere. Le condizioni meteo nel luogo in cui si trovano cambia ogni cinque minuti'', ha spiegato Rashid Ahmad, portavoce dell'organizzatore della spedizione, il tour operator pachistano Hushe Treks and Tours, in una intervista all'agenzia di stampa tedesca 'Dpa'. I due alpinisti sono bloccati perché le piogge dei giorni scorsi hanno creato numerosi crepacci, ha aggiunto Ahmad. E' una corsa contro il tempo perché i due, ha detto, ''possono sopravvivere forse solo altri due o tre giorni''. Nell'ultimo contatto con i soccorritori, prima che si scaricasse la batteria del loro telefono satellitare mercoledi, i due alpinisti hanno confermato la morte del compagno. Le squadre di soccorso hanno il sostegno dei militari pachistani. Due elicotteri militari hanno portato Silvio Mondinelli e Maurizio Gallo, i due soccorritori italiani arrivati a Rawalpindi da Milano, al punto di Fairy Meadows, a un'ora di distanza dal Nanga Parbat.