Resterà aperto il CUP di Cortona

117

AREZZO (Cortona) – Qualche giorno prima di Natale ci era giunto l’annuncio della chiusura del CUP di Cortona. La notizia ci era pervenuta in modo informale, poiché la comunicazione ufficiale della Direzione Generale della Usl era stata trasmessa solo alla Cooperativa Etruria Medica che da sempre gestisce lo sportello CUP del centro storico.
La questione fu portata all’attenzione del Sindaco Andrea Vignini che, anche su sollecitazione dei Sindacati, decise di seguirla personalmente per far pesare il suo ruolo di Presidente della Conferenza dei Sindaci della Valdichiana.
Nel giro di pochi giorni partirono due lettere a firma del Sindaco.
Nella prima si chiedeva di conoscere le motivazioni che avevano portato alla decisione di chiudere il CUP. Nella seconda si esprimeva il più netto dissenso rispetto a quella decisione e si faceva notare che essa era tanto più inaccettabile in quanto andava a colpire una popolazione, quella del centro storico, in gran parte anziana. Contemporaneamente si svolgevano anche numerosi contatti telefonici diretti fra il Sindaco Andrea Vignini e il Direttore Generale della Usl Monica Calamai.
La USL faceva presente che il provvedimento di chiusura non interessava solo il CUP di Cortona, ma tutti gli sportelli convenzionati della Provincia i quali sarebbero stati sostituiti da un nuovo servizio telefonico: il CUPTEL.
Tale spiegazione non veniva ritenuta sufficiente dal Sindaco che insisteva perchè il servizio rimanesse aperto e, in caso contrario, annunciava più severe prese di posizione da parte dell’intera Conferenza dei Sindaci.
A questo punto il Direttore Generale comunicava telefonicamente al Sindaco che aveva deciso di recedere dalla sua decisione e che il CUP di Cortona sarebbe rimasto aperto. Pochi giorni dopo, con lettera datata 29 dicembre 2007, giungeva la conferma ufficiale.
L’Amministrazione Comunale di Cortona esprime oggi la sua piena soddisfazione per aver scongiurato la chiusura di un servizio sanitario essenziale per i cittadini del centro storico e ritiene che, al di là dei meriti individuali, abbia semplicemente vinto la ragionevolezza.
Contemporaneamente anche l’attività dell’Ospedale della Fratta procede a pieno ritmo ed in questi giorni è stato assegnato al plesso Ospedaliero S.Margherita un nuovo medico specialista oncologo che va ad accrescere ulteriormente i servizi medici.