Fazio: ‘Rischio zero dalla carne di maiale cotta’

68

ROMA – Il rischio di contrarre la cosiddetta influenza suina mangiando "carne di maiale cotta o insaccati è praticamente pari a zero". Lo assicura il sottosegretario al Welfare Ferruccio Fazio, lasciando l'incontro con i vertici delle Regioni sull'emergenza virus A/H1N1 nella sede del dicastero della Salute in Lungotevere Ripa. Per questo "abbiamo ritenuto opportuno, insieme all'Organizzazione mondiale della sanita' – aggiunge – chiamare questo virus non piu' influenza suina ma nuova influenza umana''.

Ad ogni modo l'allarme sanitario legato all'influenza dei suini comincia in queste ore ad avere i primi effetti sui consumi dei cittadini italiani. In base alle stime del Codacons, una famiglia su 5 e' assai propensa a non acquistare carne suina nelle prossime settimane, almeno fino a che l'allarme non sara' rientrato o non ci saranno notizie particolarmente rassicuranti.

''La diffidenza dei consumatori anche per i prosciutti in seguito all'influenza suina non è assolutamente giustificata''. E' quanto sostiene l'Unione Nazionale Consumatori che riceve preoccupati quesiti sulla possibilità di contagio da parte dei prosciutti. 'Innanzitutto, osserva l'Unione Consumatori, ''i prosciutti a denominazione d'origine (Dop) sono fatti soltanto con cosce di maiali italiani, che sono indenni dal virus''.

''Ma anche gli altri prosciutti – spiega l'associazione – sono stati fatti diversi mesi fa, quando il virus ancora non era comparso e, comunque, il sale e la lunga stagionatura non permettono al virus di sopravvivere''.

Articlolo scritto da: Adnkronos