Addio a Furio Scarpelli

129

ROMA – Addio allo sceneggiatore e vignettista Furio Scarpelli, morto questa notte a Roma, poco dopo la mezzanotte, all'età di 90 anni. L'annuncio è stato dato dal nipote, Romano, figlio del fondatore di un giornale umoristico, Scarpelli ha lavorato in coppia per tanti anni con Agenore Incrocci, in arte Age. Insieme hanno dato vita al duo Age&Scarpelli che ha scritto pagine storiche della commedia all'italiana. Il loro rapporto professionale risale al 1949 con il film 'Totò cerca casa' di Steno e Monicelli.
Poi il sodalizio si fa sempre più stretto tanto da scrivere capolavori del cinema, specie negli anni '60 e '70. Le loro sceneggiature forniscono un'incredibile varietà di personaggi, di macchiette capaci di rappresentare un'epoca spesso ancora in divenire.
Le modificazioni del linguaggio diventano nei loro lavori la chiave di lettura per la comprensione del mondo. Le opere migliori appartengono al genere comico, o alla commedia di costume, dove i due danno sfogo alle loro idee polemiche nei confronti della società.
Le prime sceneggiature sono per il grande Totò. Tra le opere firmate dalla coppia ci sono film che hanno segnato un'epoca, come 'I soliti ignoti' (1958) di Mario Monicelli, 'Sedotta e abbandonata' (1964) e 'Signore e signori' (1965), entrambi di Pietro Germi, e "Il Buono il brutto e il cattivo" (1966) di Sergio Leone.
Per Monicelli sceneggiano 'La grande guerra' (1959), 'I compagni' (1963), 'L'armata Brancaleone' (1966), 'Temporale Rosy' (1980). Collaborano con registi del calibro di Luigi Comencini ("tutti a casa" – 1960), Ettore Scola ("C'eravamo tanto amati" – 1974 e "La terrazza" – 1980), Dino Risi ("I Mostri" – 1963), Alessandro Blasetti e Nino Manfredi.

La coppia Age e Scarpelli riceve tre Nastri d'argento e un David di Donatello nel 1975 per Romanzo popolare di Monicelli. Nel 1985 i due si separano.
Scarpelli riceve altri due David, nel 1987 per 'La famiglia' di Scola e nel 1966 per 'Celluloide' di Lizzani. Il figlio Giacomo ha seguito le sue orme. Il suo ultimo lavoro, in qualità di supervisore della sceneggiatura, è per l'esordio alla regia della Sandrelli, Christine Cristina, biopic sulla poetessa Cristina Da Pizzano che sarà nelle sale il 7 maggio.