Macrì: ‘Parco Pertini: manderemo in discarica il ‘castello cinese’

98

Arezzo – «Dichiarazione del vice Presidente del Consiglio Comunale, Francesco Macrì: «Sembrava impossibile riuscire a rovinare il Parco Giotto denominato Pertini, ma questa giunta ce l’ha fatta. Una scelta incomprensibile e assurda quella di installare un mega-castello cinese dentro un parco che per conformazione naturale, per utilizzatori, per lo più bambini piccoli, doveva essere arricchito di un’area gioco sicura ed ecologica. Invece l’assessore Cecchini cosa fa, forse inconsapevole del suo ruolo, viste le sue numerose assenze, avalla una scelta dannosa per la città che porterà alla rovina di buona parte del verde del parco.
In primo luogo il castello “cinese” non è adatto al parco dove è stato installato, ma quello che è più preoccupante è il metodo con il quale è stato posto in essere. Infatti è stata stesa ghiaia pericolosa per i bambini che si trovano a giocare, occupando quello che prima era un bel giardino e poi senza colpo ferire viene messo lo scarico dell’acqua, non collegandolo a una fognatura bensì a cielo aperto, andando così l’acqua a infangare il resto del giardino, creando non più un parco ma una palude. Complimenti davvero. Il mio impegno è quello di smontare quel castello, ripristinare il verde così come era e implementare lo spazio bimbi con giochi fatti bene e in legno. Soprattutto ci impegniamo a mandare in discarica il castello cinese.»