Ponte a Poppi, ancora difficoltà per la banda larga

119

POPPI – Ci vorrà ancora qualche settimana di attesa prima di poter usufruire in pieno della nuova Casa della Salute di Ponte a Poppi. Nel comunicarlo, la Azienda Sanitaria Aretina si scusa con i cittadini che attendono questo servizio e che con grande partecipazione avevano assistito alla sua inaugurazione, ma spiega anche le ragioni di questo ritardo: i guai si chiamano “linea telefonica”. Ma non quella necessaria per parlare, altrimenti si potrebbe risolvere anche con i cellulari, ma quella per la trasmissione dei dati, senza la quale non può essere collegato il sistema centralizzato con questa sede periferica.
La frazione di Ponte a Poppi non era fornita di banda larga e solo con la richiesta a suo tempo avanzata dalla Asl, la Telecom ha provveduto a modificare ed implementare la locale centrale. In questo modo, finalmente, questo servizio sarà adesso disponibile anche alla popolazione e alle aziende di questa frazione.
Ma il potenziamento della centrale rappresentava solo una parte del problema. Gli attuali canali di collegamento, infatti, non erano sufficienti per ospitare il passaggio dei cavi.
E così la Asl, nel corso dei lavori di ristrutturazione dell’immobile, ha realizzato un condotto sotterraneo che dalla strada arriva fin dentro la palazzina, riservato proprio ai collegamenti Telecom. Adesso è necessario fare una canalizzazione dalla centralina fino a questa condotta, passando sotto il manto stradale, per una lunghezza di 10-15 metri. La Telecom ha comunicato di aver già dato il via alla raccolta della documentazione e di essere pronta in pochi giorni a presentare la domanda al Comune.
Insomma, si sta facendo di tutto per accelerare al massimo la procedura, ma il problema non sarà risolto in pochi giorni. Si dovranno attendere alcune settimane.