Arriva la piccolina in casa Jeep, un passato tutto nuovo

403
Renegade

MOSCIANO SANT’ANGELO – La Jeep ripropone a distanza di anni la Renegade, storico fuoristrada americano dalle forme compatte. La versione moderna del veicolo d’oltreoceano è disponibile con 1 Motore a Benzina (1400 da 140 cv) oppure con 2 Motori Turbodiesel Multijet (1600 da 120 cv, 2000 da 140 o 170 cv), negli allestimenti Longitude, Limted, Opening Edition, Trailhawk. Esternamente le forme squadrate (parabrezza quasi verticale, tetto piatto) rendono omaggio al modello del passato, e fanno distinguere la nuova Jeep Renegade nel panorama delle concorrenti.

RenegadeLo stile è dominato da linee rette e inserti a “X”, che si rifanno alle nervature nelle taniche metalliche della benzina che venivano montate sulla coda delle fuoristrada dell’esercito Usa nella seconda guerra mondiale: li si ritrova all’interno dei fanali, ma anche in diversi dettagli dell’abitacolo. Classico, in stile Jeep il frontale con i fari tondi e la mascherina a 7 feritoie. Sportiva è la coda dritta con i gruppi ottici trasparenti al cui interno campeggiano le X sovracitate. Internamente l’abitacolo è curato, pratico, e assemblato con cura. La consolle centrale è completa: bello è lo schermo centrale del sistema di intrattenimento, pratici i comandi del clima. Tecnologico e di facile lettura è il quadro strumenti.

Ed ora il momento del test drive: la Jeep Renegade provata è stata la 2000 Multijet 140 cv Limited 4WD da 28629 €. La Jeep ripropone la Renegade, consapevole della possibilità di far suo un segmento poco affollato di vetture compatte che, grazie alla trazione integrale, possono essere usate sia in città che in fuoristrada, dando sempre il meglio. Su strada la Renegade è una vettura comoda e confortevole, facile da guidare grazie alle forme compatte (si parcheggia facilmente in ogni spazio).

RenegadeÈ lontano dall’asfalto che questa versione della nuova Jeep Renegade dà il meglio di sé. Notevole la capacità di superare ostacoli da vero fuori strada: ripide salite e discese, fondi molto accidentati e guadi. Facile da gestire il sistema di trazione integrale e nei passaggi più difficili risultano utili le protezioni in metallo sotto il motore. Da questo punto di vista, quest’auto è una Jeep al 100%. E la larghezza contenuta della carrozzeria permette passaggi agevoli sugli sterrati stretti. Ottimo poi è il motore che la equipaggia: il 2000 Multijet da 140 cv. Questo propulsore di origine Fiat (è lo stesso della Giulietta), garantisce sempre ottime prestazioni con consumi e costi di gestione contenuti.

Infine il listino prezzi: si va da 23500 € della 1400 Longitude fino a 25100 € della 1400 Limited (Benzina),  si parte da 24500 € della 1600 Multijet Longitude per arrivare a 32800 € della 2000 Multijet 170 cv 4WD Trailhawk (Diesel).

ARTICOLO DI Bruno Allevi