AREZZO – La chitarra di Andrea De Vitis suona ad Arezzo per un grande concerto di musica classica. Il giovane chitarrista romano è considerato dagli addetti ai lavori tra i migliori interpreti della sua generazione e porterà in città tutta la sua esperienza internazionale, diventando il protagonista del terzo appuntamento della rassegna ClassicOff promossa dalla Scuola di Musica “Francesco Coradini”. L’appuntamento è in programma sabato 16 aprile, alle 21.15, allo Spazio Seme, e proporrà un viaggio volto alla scoperta e alla valorizzazione della chitarra classica attraverso i brani di grandi compositori come Johan Kaspar Mertz, Alexandre Tansman e Mario Castelnuovo-Tedesco.

Il concerto avrà come unico protagonista il talento di De Vitis che, con il suo strumento, permetterà di vivere un emozionante viaggio musicale che spazia dall’ottocento alla metà del novecento, regalando a tutti gli appassionati di Arezzo e provincia un saggio tra le progressioni armoniche della chitarra. «Suonare ad Arezzo è un privilegio – spiega De Vitis, – dal momento che è una terra che conserva il fascino di Guido Monaco e che vanta realtà musicali d’eccellenza come la Coradini. Qui presenterò i frutti di un’esperienza internazionale di successo frutto di una sintesi originale e personale tra la mia creatività artistica e il repertorio della chitarra classica e le sue tradizioni stilistiche».

Nato nel 1985 a Roma, De Vitis si è diplomato con il massimo dei voti al conservatorio di Perugia e ha perfezionato il suo suono al fianco dei più grandi maestri contemporanei, riuscendo ad acquisire quelle doti necessarie per imporsi a livello nazionale e internazionale. Il suo curriculum è infatti già costellato dalla vittoria di oltre trenta premi nei più prestigiosi concorsi europei, oltre al riconoscimento di “Chitarra d’oro per la giovane promessa 2013”, e dalle esibizioni come solista in rassegne in tutto il continente. Questa esperienza sarà ora messa a disposizione della Coradini che, dal prossimo anno, potrà vantare De Vitis come proprio docente, dando il via ad una collaborazione volta a fare di Arezzo uno dei più importanti centri chitarristi d’Italia: il concerto di ClassicOff sarà solo il primo tassello di una sinergia finalizzata al perfezionamento di allievi provenienti da tutta la penisola. «De Vitis sarà il nostro docente di riferimento per l’insegnamento della chitarra classica – spiega Alessandro Bertolino, direttore della Coradini, – portando all’interno della nostra scuola un corso di alta specializzazione e una forte ventata di internazionalizzazione. Siamo orgogliosi di poter fare affidamento su un giovane di tale talento che permetterà alla nostra didattica di compiere un ulteriore e definitivo salto di qualità».