Varese: maxi frode fiscale, 12 arresti e sequestrati 100mln (2)

344

(AdnKronos) – Nel dettaglio, si tratta di 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 6 con obbligo di dimora, oltre a decreti di sequestro di beni immobili, quote societarie, autovetture e disponibilità finanziarie, per un valore pari, appunto, ad oltre 100 milioni di euro. Le indagini hanno consentito di scoprire un gruppo criminale composto da 18 persone che, attraverso l’emissione di oltre 1,2 miliardi di euro di fatture false ed un’evasione Iva di oltre 334 milioni di euro (per le annualità 2014 e 2015), aveva costituito un vero e proprio mercato parallelo di crediti Iva inesistenti, allo scopo di commercializzare “pacchetti di risparmio d’imposta”, a prezzi notevolmente inferiori al loro valore nominale, a favore di aziende interessate ad abbattere il proprio carico fiscale.
A capo del sodalizio criminale, Rosario Abilone, originario di Castelvetrano (Tp), ma da anni residente nella provincia di Varese, amministratore di fatto della Leonardo da Vinci di Varese, società operante nel settore della consulenza amministrativa e delle costruzioni.
Abilone, con la complicità del padre Salvatore, si è avvalso di un’articolata rete di soggetti, composta da 6 prestanome e 6 professionisti esperti del settore fiscale, i quali avvaloravano le operazioni fittizie riportate in contabilità, mediante false perizie di stima e visti di conformità. (segue)