Appalti: Delrio, per modifiche meglio correttivo ma ci rimettiamo a Parlamento

20

Roma, 9 nov. (AdnKronos) – “Non apprezzo che si modifichi il Codice dei contratti tramite una legge finanziaria, visto che si può fare con un decreto correttivo. Ci rimettiamo però alle decisioni del Parlamento”. Ad affermarlo è stato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, nel suo intervento oggi all’assemblea annuale dell’Aiscat. Rispondendo alle preoccupazioni manifestate dal presidente dell’associazione delle concessionarie autostradali Fabrizio Palenzona, che ha puntato l’indice contro la ripartizione 80-20% dei lavori in affidamento, chiedendone la revisione.
Per Delrio, se questo “crea difficoltà, si può pensare a un correttivo ad hoc al codice dei contratti compatibilmente con le regole Ue”. Comunque, “ho talmente tante colpe che non mi voglio prendere quelle degli altri”: “noi abbiamo seguito a una delega del Parlamento, che prevedeva la ripartizione 80-20 e ne abbiamo preso atto”. “Ora il Parlamento la sta rivedendo e noi ne prendiamo atto”, ha concluso il ministro delle Infrastrutture.