Arezzo, contro la Pistoiese 6^ sconfitta interna consecutiva

1304
La gara sta per avere inizio

Nell’anticipo contro la Pistoiese arriva la sesta sconfitta casalinga consecutiva per l’Arezzo che non ottiene i tre punti davanti al proprio pubblico dal lontano 26-03-2017 proprio contro gli arancioni. Eppure le cose per la squadra di Bellucci si erano messe subito bene con Moscardelli che rubava palla a centrocampo e si involava solitario verso Zaccagno avendo tutto il tempo per prendere la mira e segnare, dopo solo 4’, la rete del vantaggio. I padroni di casa continuano ad attaccare e sfiorano il raddoppio con Cutolo che al 14’ si libera bene al limite dell’area di rigore e tira colpendo la traversa. Sembra (!!!) tutto facile invece la Pistoiese, piano piano chiotta chiotta, comincia a guadagnare terreno e la linea difensiva dell’Arezzo arretra sempre di più. Potrebbe anche essere una buona scelta se si riuscissero ad attaccare in profondità e velocità gli spazi lasciati liberi dagli avversari alla ricerca del pari. Per Borra solo un intervento difficoltoso complice la deviazione di un suo compagno, per il resto nessun problema vero. Fino al 45’. Luperini approfitta di un black out della difesa aretina ed entra in area. Rinaldi non può fare nulla se non intervenire da dietro ed atterrare l’avversario. Rigore, nessun dubbio. Ferrari si incarica della trasformazione e riporta il risultato in parità pochi secondi prima dell’intervallo.

Nella ripresa ecco la reazione dell’Arezzo che non ti aspetti. Sei certo di rivedere una squadra all’attacco ed incisiva come nei primi 20’ invece….nulla. Neppure un tiro nello specchio della porta. Zaccagno potrebbe pagare il biglietto tanto è disoccupato. La squadra di Bellucci non ha idee, non ha mordente, sbaglia sempre l’ultimo passaggio, non libera mai nessuno per il tiro, la manovra e complessa e faraginosa. Già il pari, visto come sta arrivando, non accontenta la tifoseria che pur continua ad incitare la squadra sino all’ultimo ma al 3° dei 4 minuti di recupero ecco l’ulteriore beffa. Ferrari attacca la profondità e riceve palla nell’area piccola. Si destreggia bene e tira di sinistro a due passi dalla linea di porta. E’ il goal che consegna i tre punti alla squadra di Indiani.

Dopo una settimana nella quale si erano cullate illusioni di ripresa (vittoria all’ultimo assalto contro la Giana Erminio) l’Arezzo ripiomba nel limbo, anzi all’inferno. I giocatori provano ad andare sotto la curva ma sono respinti da una sonora bordata di fischi. Non sembra neppure un nuovo campionato, una nuova squadra ed una nuova guida tecnica. Tutti i difetti riscontrati nel precedente torneo riaffiorano ancora oggi. Goal improbabili subiti causati disattenzioni collettive, prevedibilità e confusione nella manovra. E’ vero che siamo solo alla 3^ giornata e che il campionato è ancora lungo. E’ vero che tempo per migliorare ce n’è in abbondanza ma si deve correre ai ripari con urgenza.

In sala stampa Indiani elogia i suoi che, seppur nella difficoltà di avere iniziato la preparazione a ranghi ridottissimi, mettono già a frutto i suoi schemi mettendoci l’anima ed ancora la Pistoiese di Arezzo non è quella che dovrebbe con ben 5 giocatori ancora non in perfetta forma atletica e quindi non utilizzati. Bellucci analizza la gara e conferma che c’è ancora molto da lavorare. Sulle sostituzioni, che gli si contestano arrivate troppo tardi, dice che aveva in mente di effettuarle prima ma poi ha notato una reazione e rinviato i cambi.

TABELLINO

Arezzo: Borra, Talarico, Rinaldi, Sabatino, Corradi, Foglia, Moscardelli (dal 37’ st Di Nardo), Cutolo (dal 46’ st Luciani), Ferrario (dal 26’ st Muscat), D’Ursi (dal 26’ st Di Santo), Cenetti (dal 26’ st De Feudis).

Allenatore: Claudio BELLUCCI

Non entrati: Ferrari, Varga, Yebli, Benucci, Criuscolo, Gerarrdini, Franchetti.

PISTOIESE: Zaccagno, Surraco (dal 18’ st Minardi), Priola, Ferrari, Zappa (dal 37’ st Papini), Regoli, Quaranta, Mulas, Luperini, Hamlili, Nossa.

Allenatore: Paolo INDIANI

Non entrati: Biagini, Rossini, Tartaglione, Eleuteri, Vrioni, Boggian, Zullo, Dosio, Ludovisi, Cauterucci.

Arbitro: Vincenzo VALIANTE Assistenti: Pierluigi Della Vecchia – Lorenzo ABAGNARA

Reti: 4’ pt Moscardelli (Ar); 45’ pt Ferrari (Pt) rig.; 47’ st Ferrari (Pt).

Ammoniti: 43’ pt Cenetti (Ar); 45’ pt Rinaldi (Ar); 9’ st Regoli (Pt); 31’ st Quaranta (Pt)