Arezzo – Lucchese – riposo, Arezzo in vantaggio con Moscardelli

1877

La posta in aplio è alta ed il gioco non è spettacolare. La Lucchese deve segnare almeno una rete ma è l’Arezzo che grazie alla velocità degli esterni crea di più ed al 9′ passa in vantaggio. L’azione parte da ferrario con millimetrico passaggio a Yamga. Stop magistrale e cross in area dove Moscardelli è bravo a smarcarsi per colpire di testa e superare Nobili. Gli ospiti devono ora segnare due reti e si gettano in avanti creando gioco, specie sulle fasce, e possesso palla ma non crenao problemi per Borra- Anzi la possibilità della rete capita ancora al capitano amarantyo questa volta servito da Arcidiacono ma la sua girata al volo è deviata da un difensore in angolo.

Sottili recupera Moscardelli che sarà in campo dal 1° minuto. In panchina invece sia Luciani che Solini per una difesa a tre con Muscat, Ferrario e Sabatino. Centrocampo a 5 dove Bearzotti e Yamga ed anche Cenetti sono chiamati ad aiutare la retroguardia in fase difensiva. In avanti L’allenatore amaranto si affida, come detto a Moscardelli coadiuvato da Arcidiacono. La velocita delle ali e l’imprevedibilità di Arcidiacono dovrebbero creare problemi ad una difesa lucchese abbastanza lenta e forte di nelle palle alte. Dall’altra parte Lopez recupera il capitano Nolè anche se solo per la panchina. La formazione rossonera è quella annunciata con il 3 – 5 2 usato nelle ultime gare.

FORMAZIONI:

AREZZO: Borra, Muscat, Ferrario, Sabatino; Bearzotti, Cenetti, Foglia, Corradi, Yamga, Arcidiacono, Moscardelli.

A disposizione: Garbinesi, Solini, Masciangelo, Erpen, Grossi, De Feudis, Demba, D’Ursi, Luciani A., Polidori, Rosseti, Farelli.

Allenatore: Stefano SOTTILI

LUCCHESE: Nobile; Espeche, Dermaku, Capuano; Tavanti, Bruccini, Mingazzini, Gargiulo, Cecchini; De Feo, Fanucchi.

A disposizione: Dimasi, Brusacà, Maini, Merlonghi, Raffini, D’Auria, Ronchi, Nolè, Bragadin, Cannoni, De Martino.

Allenatore: Giovanni LOPEZ

ARBITRO: Francesco GUCCINI Assistenti: Daniele MARCHI Ruben Liberato AGNOTTI Quarto uomo: Giampaolo MANTELLI