Banche: Galassi (Api), proposta Bce su npl rischia di fermare la ripresa

42

Milano, 7 ott. (AdnKronos) – “In un momento in cui le imprese, indebolite da anni di crisi, stanno recuperando crescita e occupazione e, mai come ora, avrebbero bisogno di certezze, sostegno e concretezza da parte delle istituzioni, ecco arrivare l’ennesima decisione presa senza tener conto delle esigenze dell’economia reale. Una scelta che rischia di stoppare la tanto agognata ripresa”. Così Paolo Galassi, presidente di Api, l’associazione delle piccole e medie industrie, è intervenuto sulla proposta della Vigilanza Bce sui non performing loan.
“La ricchezza e l’occupazione del Paese – ha continuato Galassi – si basano sulle pmi e sui risparmi dei cittadini e la non affidabilità del sistema bancario internazionale rischia ora, attraverso misure che tutelano gli istituti di credito a danno delle industrie e dei lavoratori, di riproporre effetti analoghi alla crisi degli anni passati, sia in termini di moria di imprese che disoccupazione”.
Dopo la crisi “le pmi hanno messo le basi per avviare la ripresa economica, ma ciascuno deve fare il suo dovere e interpretare il suo ruolo. Vedremo – conclude – come politica e addetti ai lavori sapranno interpretare la loro responsabilità sociale. Evitiamo di mortificare imprenditori e lavoratori come negli anni trascorsi”.