Banche: Renzi, chi ha sbagliato deve pagare

35

Roma, 9 nov. (AdnKronos) – “Nel viaggio in treno ho incontrato stamani a Padova i vertici di Banca Etica, una realtà nata quasi 20 anni fa che dimostra che si può fare finanza senza perdere di vista gli ideali e i valori. Nel frattempo stiamo incontrando molti risparmiatori, dal Veneto a Ferrara, che sono stati traditi dalla mancanza di vigilanza e di controllo”. Lo scrive Matteo Renzi su Facebook.
“Noi abbiamo preso due misure importanti: la riforma delle popolari, che ha salvato il sistema. E il sostegno ai correntisti per evitare che il fallimento delle banche li travolgesse. Adesso puntiamo a creare un fondo per il risparmio tradito, come richiesto dalle associazioni dei consumatori”, aggiunge.
“Nel frattempo la Commissione d’Inchiesta sulle Banche, voluta dal Pd, sta lavorando bene per capire chi ha sbagliato. E chi ha sbagliato deve pagare: non è populismo, è giustizia”, conclude il segretario dem.