Design: Chipperfield, sale, gesso e luce per dare materialità al bianco (2)

103

(AdnKronos) – “Quando Giulio Cappellini (art director di White in the City, ndr) ci ha contattato – spiega l’archistar all’Adnkronos – abbiamo pensato ai materiali da usare e al significato che il bianco ha in architettura. Abbiamo pensato subito ai due elementi bianchi più ricchi di significati, il sale e il gesso”. Il primo “ha grande valore, dà un’idea di pulizia ed evoca la spiritualità rendendo perfettamente l’idea di purezza”.
Per realizzare la struttura, poi, “abbiamo pensato ad un altro materiale di enorme interesse in natura, il gesso”. A questo punto “abbiamo provato a mettere insieme queste due idee e questi due materiali”. Per trasformare il tutto in realtà, però, mancava una cosa: “la luce, un elemento imprescindibile”. Così “abbiamo creato il nostro cubo illuminato: una forma che rende esattamente la fisicità del biancore”.