Equitalia: prorogati i termini per “rottamare” le cartelle

1227
fiscali
fiscali

Con un decreto del Governo è stata prorogata la scadenza per la presentazione della “Dichiarazione di adesione alla definizione agevolata” delle cartelle esattoriali meglio conosciuta come “rottamazione” il cui termine è spostato al 21 Aprile 2017. I contribuenti avranno pertanto 21 giorni in più per poter verificare la propria posizione, l’eventuale convenienza a ricorrere alla rottamazione e quindi presentare l’adesione.

Si ricorda che si può usufruire della definizione agevolata per le cartelle che siano affidate al Gestore (Equitalia) dal 2000 al 2016. Si ricomprendono anche i ruoli che siano stati affidati al Gestore entro il 2016 ma notificati successivamente.

Si dovrà inoltre verificare se il tributo richiesto è tra quelli “rottamabili”.

L’adesione può essere presentata sia direttamente allo sportello che tramite i canali telematici.

Oltre al pagamento in unica rata, scadenza il 1° luglio 2017, si può optare per il pagamento rateale sino ad un massimo di 5 rate.

Da ricordare che il mancato pagamento, il pagamento in misura inferiore o anche effettuato in ritardo non è sanabile. Ne consegue quindi la decadenza dalla rottamazione. In questo caso verranno ricalcolati interessi, sanzioni aggi e quant’altro dovuto all’origine inoltre il contribuente non potrà chiedere la dilazione del debito e l’Agente della Riscossione potrà richiedere il pagamento integrale del debito in unica rata. Resta inteso che eventuali versamenti effettuati saranno conteggiati in acconto di quanto ricalcolato.

CONDIVIDI
Articolo precedentePatent Case of Carl Zeiss Meditec AG and VSY Biotechnology B.V.
Articolo successivoEnergia: borsa elettrica, prezzo -9,2% a 41,28 euro/mwh
Aretino innamorato della mia città nella quale vivo e svolgo la mia attività di commercialista nello studio di cui sono titolare. Tra i miei interessi non potevano mancare la Giostra del Saracino e l'Arezzo Calcio che seguo ormai da 20 anni con servizi ed articoli su alcune testate locali. Sono appasionato di musica lirica e classica oltre che di storia con un particolare riguardo, oltre a quella locale, per la storia dell'alimentazione e della gastronomia.