La stagione di gare della Chimera Nuoto è iniziata a Bolzano con sedici medaglie e un quinto posto tra sessantacinque società da tutto il mondo. Dopo mesi di soli allenamenti, oltre quaranta giovani atleti aretini sono tornati a gareggiare nel primo appuntamento del 2017-2018 e hanno partecipato al 21° International SwimMeeting, una manifestazione di assoluto livello a cui erano presenti rappresentanti dall’Europa, da Israele, dal Brasile, dal Messico e dagli Stati Uniti, oltre a tanti nuotatori delle nazionali italiane e straniere del calibro di Fabio Scozzoli, Marco Orsi e Niccolò Martinenghi. In questo parterre d’eccezionale prestigio, la Chimera Nuoto è riuscita ad emergere con i propri ragazzi e ad arrivare quinta, piazzandosi tra le migliori della manifestazione in virtù di sei ori, sette argenti e tre bronzi. Accompagnati dai tecnici Alberto Bertuccini, Marco Licastro, Marco Magara e Angelo Solis Herrera, gli aretini hanno dimostrato la bontà del loro percorso di preparazione e sono riusciti in molte gare a migliorare le loro prestazioni cronometriche, fornendo segnali incoraggianti in vista delle principali competizioni regionali e nazionali in programma nel 2018.

Una menzione particolare spetta ad Eleonora Camisa del 2002 che, dopo aver vinto il bronzo nei 50 delfino agli ultimi Campionati Italiani Giovanili, ha confermato la sua forte crescita e si è classificata quinta assoluta nella speciale graduatoria individuale frutto della combinazione tra i risultati di 50 delfino, 100 delfino e 100 misti. L’atleta è risultata come la migliore della Chimera Nuoto e ha archiviato l’International SwimMeeting di Bolzano con un bel bottino di tre ori (nei 100 stile libero, nei 50 delfino e nei 100 delfino) e due argenti (nei 50 dorso e nei 50 stile libro). Tra i plurimedagliati sono rientrati anche Alessandro Tavanti del 2003, Matteo Vasarri del 2004 e Matteo Meacci del 2005, che si sono aggiudicati tre medaglie a testa: il primo ha vinto l’oro nei 100 rana e il bronzo nei 50 e nei 100 stile libero, il secondo l’oro nei 100 dorso e l’argento nei 100 stile libero e nei 100 delfino, e il terzo l’argento nei 40 e nei 100 stile libero e il bronzo nei 100 dorso. La soddisfazione di tagliare il traguardo per primo è arrivata anche per Niccolò Quadrani del 2005 che è arrivato davanti a tutti nei 50 dorso, mentre l’ultima medaglia porta la firma di Gabriele Gambini del 2005 che ha archiviato i 100 dorso con un secondo posto. «La prima gara della stagione – commenta Magara, direttore sportivo della Chimera Nuoto, – era accompagnata da tante attese e da tanta curiosità per testare l’andamento della preparazione dei nostri ragazzi al confronto con alcuni dei coetanei più forti d’Italia e d’Europa. Oltre all’eccezionale quinto posto su sessantacinque società da ogni continente, lo SwimMeeting ha rappresentato una bella occasione di crescita personale, di consolidamento del senso di squadra e di stimolo in vista dei più importanti appuntamenti sportivi del nuovo anno».