Mafia: Trapani, Dia sequestra beni per 5 milioni a due imprenditori (2)

132

(AdnKronos) – Infatti, questo avrebbe consentito “l’infiltrazione mafiosa delle imprese di Lorenzo Cimarosa all’epoca referente imprenditoriale di cosa nostra, nei lavori per la realizzazione del centro comunale polifunzionale di Castelvetrano, formalmente aggiudicati da una impresa ragusana, poi colpita da provvedimento interdittivo della Prefettura di Trapani”. Sotto il profilo patrimoniale, in estrema sintesi “è stata accertata l’esistenza di una palese situazione di sperequazione fra i redditi dichiarati dagli Adamo e la formazione del loro patrimonio”. Peraltro, secondo il Tribunale di Trapani, anche i redditi d’impresa degli Adamo sono da considerarsi illeciti perché realizzati avvalendosi di metodi mafiosi.
Per questa ragione, è stato disposto il sequestro dell’intero patrimonio degli imprenditori (appartamenti, terreni, conti bancari, automezzi, un’imbarcazione da diporto e tre aziende) per un valore stimabile in oltre 5 milioni di euro.