A Monte San Savino marzo è il “mese delle donne”

1756
LOCANDINA
LOCANDINA

Tante iniziative in programma da domani e nelle prossime settimane.
L’Assessora Rampini “Il tema del femminile non può restare confinato in una sola giornata, ma deve diventare parte della vita di tutti i giorni”
Per il secondo anno consecutivo l’Amministrazione Comunale di Monte San Savino dedicherà tutto il mese di Marzo alla figura della donna, per celebrare la Giornata Internazionale dell’8 Marzo con tante differenti iniziative. Il ‘Mese delle donne’ prevede appuntamenti al cinema e a teatro, mostre, presentazioni di volumi, conferenze di approfondimento e momenti divertenti (la gara delle “Sindache in cucina”) che prenderanno il via domani 8 Marzo e caratterizzeranno le successive settimane. Il cartellone è realizzato grazie alla collaborazione dell’Assessorato alle pari opportunità con varie realtà territoriali, da Monteservizi a Officine della Cultura, insieme con il fotoclub Il Sansovino, il coordinamento regionale SPI – CGIL, gli istituti scolastici, l’Associazione Autismo Arezzo, Coldiretti e altri ancora. “Troviamo riduttivo dedicare solo una giornata alla donna” dice l’Assessora Erica Rampini “perchè ciò significa mettere dei paletti e limitare questo tema in ambiti ristretti e slegati da tutto il resto. La nostra intenzione, al contrario è quella di sensibilizzare e analizzare la figura femminile in tutte le sue sfaccettature e soprattutto nelle sue tante implicazioni che fanno parte della vita reale e di tutti i giorni”

MERCOLEDI 8 MARZO – ORE 21.15
TEATRO VERDI – MONTE SAN SAVINO
THE HELP
Mississippi, anni 60. Skeeter è una ragazza della buona società bianca che rientra a casa, dopo gli anni passati al college, determinata a diventare una scrittrice. Ma è grande la sorpresa nella cerchia delle sue amicizie – e in una cittadina del Mississippi di quel tempo – quando lei decide di cominciare intervistando le donne nere che hanno speso la loro vita lavorando nella servitù delle più importanti famiglie del sud. Aibileen, la governante, ed amica, di Skeeter, è la prima ad iniziare, con il disappunto degli esponenti della comunità nera locale. Skeeter, che vede vacillare le personali amicizie di una vita, ed Aibileen sono però fermamente decise a continuare la loro collaborazione, nonostante tutto.

SABATO 11 MARZO – ORE 09.00
PALAZZO GALLETTI – MONTE SAN SAVINO
LA VIOLENZA SULLE DONNE NON HA CONFINI …  E SPESSO HA LE CHIAVI DI CASA
A cura del coordinamento Donne Spi – Cgil Regionale

SABATO 11 MARZO – ORE 18.00
MUSEO DEL CASSERO – MONTE SAN SAVINO
ANIME FORTI
Donne: timide, dolci, eleganti, forti, aggressive, determinate…ma anche compagne, mamme, lavoratrici, sportive…
I Soci del Fotoclub Il Sansovino, in collaborazione con il videomaker Emanuele Mura (White Rabbit Production) e con la partecipazione e la disponibilità delle ragazze del 100% Circo hanno raccontato, con questa installazione di fotografie e video, una piccola parte di questo grande Universo, ognuno a modo suo, con un risultato d’insieme unico e suggestivo, dove la forza delle donne si vede non soltanto dalle loro azioni, ma già dal loro sguardo.”

GIOVEDI 16 MARZO – ORE 16.00
SALA CONFERENZE MUSEO DEL CASSERO – MONTE SAN SAVINO
GOSTANZA DETTA LA BIRIGHINGA- UNA DONNA IN ATTESA DI RISCATTO.
Una curatrice processata per strega al Monte San Savino nell’anno 1616
Relatore: Francesco Sinatti
Conferenza tratta dal libro Il Vertice Della Stregoneria Toscana di Francesco Sinatti.
Francesco Sinatti, laureato in Materie letterarie, si interessa di stregoneria e Inquisizione in Toscana. F. SINATTI, Il vertice della stregoneria toscana, il mago Nepo e gli stregoni di Galatrona, Aska 2016
F. SINATTI, Due streghe montevarchine del Seicento in “Memorie Valdarnesi” – Accademia Valdarnese del Poggio”, Montevarchi, anno 182° (2016), serie IX – fasc. VI, pp. 49-77.

SABATO 18 MARZO – ORE 17.00
TEATRO VERDI – MONTE SAN SAVINO
“INSEGNARE I DIRITTI, RACCONTARE LE DONNE,EDUCARE ALLA PARITÀ”
La Storia dell’altra metà del cielo – Didattica, Storia delle donne e Pari opportunità: costruire unità di competenze di storia delle donne.
Evento finale di presentazione del video delle attività svolte nelle Scuole della zona socio-sanitaria aretina e spettacolo finale.  Organizzato dall’Istituto Comprensivo “Martiri di Civitella” e dall’Istituto Comprensivo “Monte San Savino”

LUNEDI 20 MARZO
RSA CIAPI – MONTE SAN SAVINO
SINDACHE IN CUCINA
Una divertente gara di cucina con le prime cittadine dei Comuni della Valdichiana

VENERDI 24 MARZO – ORE 21.15
TEATRO VERDI – MONTE SAN SAVINO
MARIA STUARDA
Lo spettacolo indaga il rapporto tra donne e potere attraverso i paralleli: amore/politica, ragione/passione, maschile/femminile. La vicenda di due figure imponenti, Maria Stuarda ed Elisabetta è quanto mai attuale. Due donne al potere: la protestante Elisabetta I, regina d’Inghilterra e la cattolica Maria Stuarda, regina di Scozia. Due donne speculari: Maria l’eroina romantica, passionale, irrazionale, debole nel governare e nutrita dall’amore divino; Elisabetta la fine mente politica, energica, dura, che rinuncia alla vita sentimentale per il potere. Si attua concretamente la conciliazione della libertà e della necessità. Un crescendo serrato verso la catastrofe, il fatale tratto di penna di Elisabetta che segnerà la sorte di Maria.

SABATO 25 MARZO – ORE 18.00
SALA CONFERENZE MUSEO DEL CASSERO – MONTE SAN SAVINO
IL BAMBINO AUTISTICO CON IL GREMBIULE – INCONTRO CON AIDI NANNI
Coordina l’incontro Andrea Laurenzi – Presidente Autismo Arezzo
Il bambino autistico con il grembiule è un libro verità che racconta un’esperienza scolastica avvenuta negli anni 1979-84 con un gruppo di bambini delle scuole elementari, di cui uno autistico. In assoluto, questa storia rappresenta l’inizio di quel fenomeno che – in base alla Legge 517 – prese il nome di “inserimento di portatori di handicap in classi comuni. Aidi Nanni è stata insegnante elementare per 20 anni e professoressa di scienze psico-sociali per quasi altrettanto tempo nei licei. Dopo la pensione si è impegnata sul fronte politico-amministrativo e quindi ha investito le sue energie nel volontariato sociale, coronando il suo impegno con la scrittura del libro Il bambino autistico con il grembiule.