Poletti: “Impegno per giovani e disoccupati lunga durata”

57

Roma, 13 set. (Labitalia) – ”Posso confermare l’attenzione e l’impegno del governo per giovani e disoccupati di lunga durata”. Lo afferma il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, intervenendo al question time che si tiene alla Camera. Il ministro elenca, prima di tutto, gli interventi messi in campo a partire dal 2015, con la riduzione della base imponibile irap attraverso la riduzione del costo del lavoro. Con la legge di bilancio del 2017 si è intervenuti prorogando i benefici contributivi per i contratti di apprendistato in forma duale ”che è nostra intenzione rendere stabile”. Poi viene ricordato il bonus occupazione al sud, che ”ha prodotto buoni risultati”, sono 70.000 i contratti sostenuti dalla misura fiscale. A cui vanno sommati i 40.000 contratti da ricondurre al bonus assunzione garanzia giovani.
Poletti spiega che per i disoccupati di lunga durata ”un primo passo è stato fatto attraverso l’ape sociale”. Un altro versante ”su cui continuiamo a lavorare è riferito allo sviluppo di politiche attive che consentono la ricollocazione nel mondo del lavoro attraverso l’attivazione in termini totali dell’assegno di collocamento per facilitare l’accesso a nuove opportunità occupazionali”.
L’ape sociale, ricorda il ministro, è stata introdotta in via sperimentale nel 2017 per alcune categorie. ”Non è corretto -secondo Poletti- parlare di discriminazione, in quanto si tratta di una scelta discutibile certamente del legislatore” ma in sede di verifica dello strumento ”sarà possibile valutare le modifiche dell’impianto normativo”. In occasione della presentazione della relazione a parlamento sarà inoltre possibile ”dare stabilizzazione” all’ape sociale.