Procedure per la rottamazione di una vettura e l’importanza della visura PRA

2906

Sono disponibili su tutto il territorio italiano appositi centri di raccolta autorizzati per le auto da destinare alla demolizione, gli unici centri su cui fare affidamento per evitare di incorrere in futuro in spiacevoli sorprese. Ovviamente prima di poter portare la propria vettura presso uno di questi centri, è molto importante seguire l’iter burocratico previsto dalla legge. Dovrete infatti pagare imposte e bolli prima di procedere con la rottamazione e dovrete anche fornire una serie di documenti come la carta di circolazione e il certificato di proprietà.

Una volta effettuata la rottamazione del veicolo, il centro a cui avete deciso di fare affidamento provvederà a cancellarlo dal Pubblico Registro Automobilistico entro un mese. La cancellazione vi permette di liberarvi per sempre di quella vettura e di non avere più alcun tipo di imposta da pagare. Nonostante abbiate deciso di fare affidamento su un centro autorizzato, gli errori umani sono possibili, lo sappiamo bene. Proprio per questo motivo consigliamo sempre di richiedere una visura al Pubblico Registro automobilistico (PRA) trascorso un mese dalla rottamazione.

Grazie alla visura Pra, su cui viene riportata, assieme ad altre informazioni, anche la proprietà di un veicolo, è possibile scoprire se l’iter sia veramente andato a buon fine e se quindi vi siete liberati del tutto della vettura e di tutti gli obblighi ad essa relativi. Può essere richiesta direttamente agli sportelli del Pubblico Registro Automobilistico, a quelli dell’ACI, o utilizzando i suoi servizi online, oppure, in alternativa sui portali dedicati al reperimento dei documenti.

Ad esempio, nella pagina dedicata alla visura Pra di Visureinrete vi basterà inserire i dati richiesti nel form e potrete così ricevere il documento in pochissimo tempo e direttamente nella vostra casella di posta elettronica. Maggiori informazioni qui.

Il centro di demolizione a cui si decide di fare riferimento dovrà comunque fornire un documento dopo la consegna della vettura. Questo è vero; il centro infatti deve rilasciare obbligatoriamente un certificato che indichi i dati relativi al veicolo, che ne attesti la demolizione e che, soprattutto, escluda il proprietario da ogni responsabilità. Sul certificato deve anche essere riportato l’impegno da parte del centro di cancellare il veicolo dal registro automobilistico. Si tratta però appunto soltanto di un impegno: controllare è quindi sempre il modo migliore per evitare di incorrere in spiacevoli sorprese. Purtroppo infatti anche se l’errore commesso dovesse essere del centro, sarete voi automobilisti a dover continuare, ad esempio, a pagare le tasse sull’auto, il famoso bollo. Meglio quindi controllare con una visura Pra che tutto sia davvero in regola.

Detto questo, andiamo a scoprire quanto costa demolire una vettura. I costi non sono poi così elevati: si va infatti da 70 euro a 150 euro circa. Potreste però anche non dover pagare niente. Se la vostra auto infatti è in discrete condizioni e se si tratta di un modello ancora attuale, il centro può effettuare la demolizione a titolo gratuito in cambio della possibilità di rivendere i pezzi dell’auto come pezzi di ricambio. Dobbiamo ricordare che sarà anche necessario, e questo vale in ogni caso, effettuare una visura: prima della demolizione è infatti necessario accertare che su quella vettura non penda alcun tipo di atto giudiziario.