Quirinale: Mattarella ricorda De Nicola, alto contributo in periodi difficili

19

Roma, 9 nov. (AdnKronos) – “Enrico De Nicola, primo Presidente della Repubblica Italiana, nacque a Napoli centoquarant’anni fa. Con le sue radicate convinzioni democratiche, il suo senso delle istituzioni e dell’unità nazionale, la sua cultura di giurista, ha dato al Paese un contributo di alto rilievo in passaggi storici difficili, quando il popolo italiano cercava di aprirsi un futuro migliore dopo gli eventi più tragici del Novecento”. Lo ricorda il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
“Fu maestro nella professione forense, e la sua stessa passione civile -sottolinea ancora il Capo dello Stato- si forgiò prima di tutto nelle aule di tribunale. Eletto più volte deputato nell’Italia Liberale, mise le proprie competenze a servizio di un miglior funzionamento dell’Assemblea e delle commissioni parlamentari. A lui toccò di essere l’ultimo presidente della Camera liberamente eletto prima della torsione autoritaria imposta dal fascismo”.
“Il profondo legame con Napoli, la sua città, non venne mai meno. Anzi, quelle radici ebbero grande importanza e influenza nella sua formazione, nella sua cultura, nel suo impegno incessante di meridionalista che voleva un’Italia sempre più unita, capace di garantire equità e opportunità a tutti i suoi cittadini e i suoi territori”.