Ragusa: stretta su b&b abusivi, irregolari 39 su 45 controllati

57

Palermo, 20 mar. (AdnKronos) – Giro di vite della Guardia di finanza a Ragusa contro i bed & breakfast abusivi. Dopo le denunce degli albergatori sull’aumento esponenziale di attività in nero, le Fiamme gialle hanno passato al setaccio le strutture creando un database che ha permesso di incrociare i dati delle offerte presenti in rete con quelli fiscali dei titolari. Complessivamente nel Ragusano sono state individuate 690 strutture extra-alberghiere (bed & breakfast, affittacamere, case vacanze) e tra queste, in base a un primo esame, 497 sono risultate prive della prescritta comunicazione di inizio attività da inoltrare al Comune. Su 45 strutture ricettive controllate tra Ragusa città, Ibla, Marina e Santa Croce Camerina 39 non avevano le previste autorizzazioni.
In alcuni casi è stata accertata anche la totale evasione d’imposta, talvolta risalente a tre/quattro anni fa. Le violazioni amministrative finora contestate in favore degli Enti locali ammontano a circa 120.000 euro. Undici strutture che non avevano comunicato alla questura i nominativi degli ospiti sono state segnalate alla Procura per violazione delle disposizioni del Testo unico in materia di pubblica sicurezza. “In qualche circostanza – spiegano dal Comando provinciale della Guardia di finanza di Ragusa -, è stato accertato che dietro l’attività esercitata, apparentemente sotto forma di bed and breakfast (per la quale sono previste agevolazioni sul piano fiscale), in realtà si nascondeva una vera e propria struttura aziendale, che avrebbe dovuto dichiarare redditi d’impresa e non occasionali”.