Sicilia: Marziano (Pd), Raciti? Sue dimissioni atto dovuto davanti a disastro (2)

34

(AdnKronos) – Secondo Marziano, infatti, i vertici del partito “con le loro decisioni hanno cambiato la cifra politica delle elezioni”. “I massimi vertici del partito nazionale e regionale – denuncia – sono venuti in provincia di Siracusa non per fare campagna elettorale per il Pd, ma per chiedere di non votarmi. Hanno fatto un incontro con i tre sindaci della zona nord della provincia e hanno chiesto di votare per uno dei tre candidati, promettendo incarichi futuri come ricompensa”. “Un patto scellerato” secondo l’assessore regionale uscente dietro il quale c’era una precisa motivazione. “Io, essendo della minoranza Pd, non sarei stato affidabile nel post elezioni. Sapendo di perdere l’obiettivo era avere tra i generali superstiti la maggioranza numerica”.