Il Teatro Verdi fa festa e presenta con Amanda Sandrelli la stagione teatrale 2017/18

1498
Amanda Sandrelli
Amanda Sandrelli

Appuntamento a Monte San Savino con aperitivo per raccontare il teatro che verrà

A Monte San Savino apertura in festa del sipario del Teatro Verdi per la presentazione della stagione teatrale 2017/18. Dopo il ritorno del grande cinema del fine settimana le novità teatrali per la prossima stagione dedicata ai savinesi e al pubblico del Verdi saranno svelate lunedì 2 ottobre alle ore 18:00 presso il foyer del Teatro Verdi.
A raccontare le novità saranno presenti l’attrice Amanda Sandrelli, ospite graditissima oltreché responsabile della direzione artistica della stagione insieme a Luca Baldini di Officine della Cultura; il Sindaco di Monte San Savino, Margherita Scarpellini; Marzia Serrai, Presidente Azienda Speciale Monteservizi e Patrizia Coletta, Direttore di Fondazione Toscana Spettacolo onlus. La serata sarà anche una preziosa occasione per sottoscrivere l’abbonamento alla stagione a prezzo ridotto.
A seguire a tutti gli intervenuti sarà offerto un aperitivo presso il bar del Teatro per festeggiare il ritorno del teatro in città con le sue porte aperte all’incontro, al dialogo e a una visione critica e costruttiva della società. L’evento è organizzato da Regione Toscana, Comune di Monte San Savino, Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Officine della Cultura, Azienda Speciale Monteservizi e Rete Teatrale Aretina.

CONDIVIDI
Articolo precedenteVillaggio degli Agricoltori, stoviglie ‘green’ per i momenti gourmet
Articolo successivo**L.elettorale: solo 321 emendamenti a Rosatellum bis**
Dirigente dell'Arci di Arezzo, figura storica dell'associazione e riferimento dei circoli, è da anni impegnata mondo del terzo settore aretino, ricoprendo ruoli dirigenziali anche a livello nazionale. Operatore culturale e socia fondatrice di una importante cooperativa, collabora, fin dalla sua apertura, con il Teatro Verdi di Monte San Savino, paese di nascita e di impegno sociale e politico. Appassionata di cinema, teatro e musica, con l'idea che la cultura popolare sia l'anima delle comunità locali, svolge anche attività organizzativa e di collaborazione con numerosi festival musicali del territorio aretino e provinciale.