“Emergenza Covid-19: a Cavriglia nessuna retta da pagare per gli asili nido”

bimbo asilo
bimbo asilo

Obiettivo primario non gravare sulle tasche delle famiglie in questo momento drammatico di emergenza sanitaria ed economica. L’Amministrazione comunale di Cavriglia ha ufficializzato tramite una delibera di Giunta una serie di decisioni importanti che riguardano i servizi alla prima infanzia, gli studenti e soprattutto le loro famiglie relative in particolare a rette degli asili nido, mensa e trasporti.

Alla luce dell’emergenza Covid-19 infatti, la Giunta comunale ha stabilito che i genitori dei bambini iscritti all’asilo nido Stella Stellina di Cavriglia e Pollicino di Castelnuovo dei Sabbioni, saranno esentati dal pagamento delle rette a partire dalla data di interruzione del servizio, ovvero il 5 marzo 2020, fino alla riattivazione del servizio. Qualora qualche famiglia avesse acquistato i “moduli a ore” per i propri figli iscritti al nido, saranno rimborsate dell’importo relativo alle ore non consumate.

Stessa linea anche per mensa e trasporti. I residui delle ricariche mensa già acquistati e non consumati infatti saranno validi per il prossimo anno scolastico (come da regolamento solo le famiglie degli studenti di quinta della scuola primaria saranno rimborsate le somme non utilizzate), mentre chi ha già pagato il trasporto sarà rimborsato della quota parte a partire dal mese di marzo 2020 compreso.

 

Gli uffici comunali a decorrere dal 4 maggio 2020 contatteranno direttamente i genitori dopo una ricognizione dei pagamenti

 

Abbiamo preso questa decisione – ha spiegato il sindaco Leonardo Degli Innocenti o Sanni –, perché ci è sembrato il minimo non gravare sulle tasche delle famiglie in questo momento drammatico che stiamo attraversando. Il Comune si farà carico dei costi fissi da sostenere comunque nei riguardi della Cooperativa che gestisce i servizi del nido e dei trasporti. Il nostro obiettivo primario è tutelare la salute, la sicurezza e il benessere delle nostre famiglie e continueremo ad impegnarci affinché sia possibile farlo sempre”.