“I Mille di Sgarbi”: ritirata dall’esposizione la “turca autentica”

L’amministrazione comunale invita l’ambasciatore turco a visitare Castiglion Fiorentino

 Il 2020 è stato un anno davvero tribolato, che ha falcidiato uno ad uno la maggior parte degli eventi ed iniziative culturali, e davvero pochi sono quelli celebrati. L’iniziativa della mostra d’arte contemporanea “I mille di Sgarbi” è stata da subito colta dall’amministrazione comunale come occasione per mettere in risalto, con una mostra che si snodava su ben 4 chiese, le bellezze ed i tesori del nostro paese, ciò fino al giugno 2021.

E così è stato, e con un investimento di poche migliaia di euro, peraltro per acquistare beni utilizzabili per altri eventi, sabato 12 dicembre è stata inaugurata la mostra, con l’inedita formula “a porte chiuse e finestre aperte”, visto il periodo che impone la chiusura dei musei, ed in attesa che questi vengano riaperti.
Un artista ha inviato e fatto esporre la ormai famigerata “turca autentica”, che, viste le proteste del governo turco -perché ritenuta blasfema- è stata ritirata dall’esposizione.

“L’arte ha il compito di scuotere le nostre coscienze, porci interrogativi, deve essere ostile, pruriginosa. Lelli (l’artista che ha realizzato la turca autentica ndr) getta la sua opera  come un macigno nelle acque stagnanti del politicamente corretto, e ci pone la questione del limite dell’arte e della provocazione” così Massimiliano Lachi, assessore alla cultura del comune di Castiglion Fiorentino chiosa sull’accaduto. “Con il Sindaco Mario Agnelli abbiamo deciso di invitare l’ambasciatore turco a visitare il nostro paese. Non è certo di attenzione mediatica che abbiamo necessità, ma di buona politica, ed è questo che ci appassiona” conclude Lachi.