Ospedale della Gruccia: Ausl Toscana sud est risponde alla Sindaca Chiassai

L’Azienda USL Toscana sud est risponde alla nota della Sindaca Chiassai ribadendo il ruolo dell’Ospedale della Gruccia nella Rete di offerta ospedaliera. In particolare per l’endocrinologia non c’è stata alcuna riduzione di attività ambulatoriale. L’obiettivo è anzi di potenziare entro qualche mese, l’offerta per la comunità valdarnese. Per la situazione della cardiologia il servizio è garantito come le attività ambulatoriali. Inoltre già da settembre l’Azienda ha messo in atto tutti i percorsi disponibili per reperire specialisti e le procedure sono in corso.

Per le prestazioni di elettrofisiopatologia come, ad esempio, per il posizionamento di un pacemaker, l’Azienda ha programmato lavori di adeguamento impiantistico e strutturale  in un’area adiacente al reparto per la realizzazione di una saletta interventistica ad alta tecnologia ed esclusiva per la cardiologia.

Solo in questa fase, nell’attesa del reperimento di cardiologi con specifica professionalità e della conclusione dei lavori le stesse prestazioni sono effettuate all’Ospedale di Arezzo.

 

Una rettifica è necessaria anche per quanto viene riferito dalla Sindaca Chiassai sulla Tossicologia: la struttura di Arezzo non è una struttura ex-novo, esiste da più di 30 anni e le professionalità che si sono create  concorrono a farne un punto di riferimento interregionale con certificazione ISO. Per la particolarità di questa attività è essenziale che venga effettuata e concentrata in una struttura che garantisce i massimi livelli di qualità nei tempi adeguati.