Cabine Elettorali Covid Free?

di Stefano Pezzola

Per le elezioni comunali non è necessario il Green Pass.

Gli elettori possono recarsi alle urne senza dover dimostrare di essere in possesso della certificazione verde.

In occasione delle procedure di voto devono comunque essere rispettate altre regole per prevenire il contagio come indossare la mascherina e mantenere la distanza di sicurezza.

Il Green Pass non è quindi obbligatorio per votare alle elezioni comunali 2021, se ne sono accorti i cittadini che si sono già recati ad esprimere la loro preferenza.

Il protocollo siglato tra i Ministeri dell’Interno e della Salute non prevede la necessità di essere in possesso della certificazione verde per recarsi alle urne in occasione del 3 e 4 ottobre, quando 1.157 Comuni italiani sono chiamati al voto per eleggere il nuovo sindaco e rinnovare il Consiglio comunale.

Il voto è un diritto dei cittadini e quindi non è stata introdotta alcuna restrizione all’accesso.

Bene, abbiamo la conferma che il voto è un DIRITTO.

E il lavoro e l’istruzione invece NO.

Prendiamo atto pertanto che esistono diritti civili – quelli che dovrebbero consentire agli individui di agire, muoversi, esprimersi, entrare in rapporto con gli altri senza che lo Stato intervenga – di serie A e di serie B.

O forse le cabine elettorali sono Covid Free?

LEGGI ANCHE:
– Il Green Pass è un’Utopia!
– Torna l’influenza dopo un anno e mezzo di ferie…
– La verità di tv e giornali è sempre verità?
– Lo studio dello Spallanzani che demolisce il Green Pass
– Pino Cabras: “Avete ingannato un intero Paese”– Dalla Germania uno studio sui pazienti deceduti a causa del vaccino Covid-19
– Giu’ le mani dalle Mamme!
– Nunzia Alessandra Schilirò, Vice Questore di Roma: “Il green pass italiano è illegittimo ed è incompatibile con la nostra Costituzione”
– Green Pass: le contraddizioni del tanto “amato” lasciapassare
– Perchè i vaccinati sono così arrabbiati?
– I vaccini anti Covid-19 violano il Codice di Norimberga
– FDA boccia la terza dose  di vaccino sotto i 65 anni: 16 voti contrari e 2 favorevoli
– Green Pass: due dosi all’anno in cambio della libertà
– Green Pass, un “lasciapassare” che discrimina