Castiglioni nel cuore: “Perchè remare tutti nella stessa direzione”

Il comunicato del gruppo consiliare

In Italia con il governo Draghi si è aperta una nuova prospettiva che chiama tutti, a ogni livello a una diversa responsabilità politica e amministrativa.

Anche a Castiglioni occorre fare tesoro della lezione che arriva dalla lotta al Covid-19, per far crescere il senso di responsabilità, promuovere un diverso rapporto tra i gruppi in consiglio comunale e indicare scelte amministrative all’altezza dei tempi che viviamo.

Non sappiamo ancora come e in che misura le scelte europee e nazionali investiranno la nostra Regione e il nostro territorio, certo è che vi sarà una ricaduta, per questo ora più che mai è necessaria una progettualità alta e un’idea di governo del territorio che non viva solo di immagine ma di sostanza.

Per questo diciamo basta a una politica locale costruita su di una campagna elettorale permanente, dove da parte della maggioranza ci si arrocca sul grande consenso ricevuto, quasi che questo fosse un viatico per fare “quello che ci pare” e dall’altro ci si limita a punzecchiature che non incidono sulla qualità dell’amministrare.

Noi crediamo che sia arrivato il momento, ognuno con la distinzione di ruoli che la politica impone, di aprire un dialogo costruttivo basato su proposte e visioni del futuro.

Nel rispetto dei reciproci convincimenti è indispensabile creare uno spirito di cooperazione, basato sulla limpidezza degli atti amministrativi, sulla chiarezza dei progetti e sulla facoltà di concorrere tutti assieme al bene del paese.

In questo particolare momento, infatti, oltre alla pandemia, che già di per se suggerirebbe più consapevolezza e più senso di responsabilità ci sono tanti progetti da portare avanti. Dalle Scuole alla Sanità, dalle Infrastrutture e Trasporti ai Servizi Sociali, dal Sostegno alle Attività Produttive a quello alle Famiglie.

In una situazione critica come quella che stiamo vivendo, dobbiamo muoverci per costruire il domani di Castiglioni. Non servono provvedimenti spot, sono necessarie misure che guardino al quadro più generale e, soprattutto, siano in grado di centrare obbiettivi precisi.

Per questo torniamo a proporre, agli altri Gruppi Consiliari, un dialogo permanente basato sui progetti e non sulle divisioni ideologiche.

Un esempio: la “Commissione per la Bonifica dell’Ex AREA SADAM” potrebbe cambiare denominazione e diventare “Commissione per la bonifica e il rilancio dell’area Ex SADAM” per essere utilizzata, non soltanto per le questioni connesse con la bonifica ma diventare anche il luogo dove (prima di ogni altro) si ragiona, ci si informa, si indirizzano gli sviluppi dell’area. Diventa in questo senso importante che, appena possibilie, i nuovi proprietari riferiscano alla commissione sulle loro intenzioni e su quali progetti intendono mettere in campo per potenziare l’area.

A Castiglioni ci vuole un clima nuovo, con meno recriminazioni e più idee, un clima dove a farla da padrona debba essere la trasparenza amministrativa e la certezza sulle cose che si fanno, un clima che aiuterebbe la macchina amministrativa a lavorare meglio e con più efficienza.

Questo momento così difficile, ma che fa anche intravedere nuove prospettive, ci offre quindi la possibilità di cambiare migliorandoci e di cogliere ogni utile spunto per costruire il nostro futuro…….

NON LASCIAMOCELO SFUGGIRE !!!!!!