Eurodesk: l’amministrazione rinnova l’adesione alla rete Internazionale

Tramite l’adesione alla rete EURODESK, anche a Bibbiena e in Casentino i giovani potranno ottenere informazioni puntuali sui programmi europei di mobilità transnazionale, su possibili borse di studio o finanziamenti

Il comune di Bibbiena investe sui giovani. L’amministrazione comunale rinnova, infatti, anche per il 2021, l’adesione alla rete nazionale Eurodesk.

Tramite l’adesione alla rete EURODESK, anche a Bibbiena e in Casentino i giovani potranno ottenere informazioni puntuali sui programmi europei di mobilità transnazionale, su possibili borse di studio o finanziamenti da poter usufruire nel periodo di soggiorno anche all’estero. Questo per aumentare le possibilità di una migliore occupabilità e di una partecipazione attiva dei giovani nella società.

Lo sportello Eurodesk si trova all’interno di InfoPoint presso il Centro Creativo Casentino, un altro servizio voluto dal Comune di Bibbiena per tutti i giovani nel territorio casentinese. Informazioni strutturate relative a lavoro, formazione professionale, volontariato, tempo libero, scuola e Università, opportunità di mobilità all’estero e attività e eventi del territorio, tutto questo si può trovare nel “contenitore” InfoPoint pensato e progettato per i giovani che potranno essere accolti, ascoltati e guidati anche nel mondo del lavoro e dell’impresa.

L’Assessora Martina Cipriani commenta: “Una cosa importante nonostante il periodo. Dobbiamo prepararci al meglio per la ripresa ed i giovani avranno bisogno, ancora di più, di un punto informativo che possa indirizzare loro verso progetti lavorativi e di formazione. E’ di oggi la notizia diffusa da Istat che il 98% di coloro che hanno perso il lavoro nella crisi seguita alla pandemia il 98% sono donne; ma sappiamo anche che aumentano in modo preoccupante i giovani che non studiano e non cercano lavoro. Ritengo che investire ancora in percorsi come l’Eurodesk consenta, nel prossimo futuro, di poter offrire strade ed opportunità nuove ai nostri giovani”.