FDA boccia la terza dose di vaccino sotto i 65 anni: 16 voti contrari e 2 favorevoli

L’indice VAERS mostra che gli attacchi di cuore si verificano 71 volte più spesso

di Stefano Pezzola

Iniziamo le righe che seguiranno citando la fonte. https://www.nbcnews.com/health/health-news/fda-advisory-group-rejects-covid-boosters-limits-high-risk-groups-rcna2074 NBC News è la divisione notizie della rete televisiva americana NBC.

Premesso questo andiamo ad analizzare la notizia. Ma prima – con la trasparenza che contraddistingue da sempre Arezzoweb – Vi suggeriamo di andare serenamente a leggere come è stata riportata la notizia da altri organi di stampa.

LEGGI ANCHE: I vaccini anti Covid-19 violano il Codice di Norimberga

I Paladini della verità sul Covid-19, insomma, hanno riportato la notizia, senza però mettere in evidenza le criticità evidenziate in merito alle reazioni avverse assai numerose, particolarmente nella fascia dei più giovani.

Avete letto le “verità” di tutto il mainstream sull’argomento? Bene, allora siete pronti a leggere la traduzione dall’inglese della notizie battuta dalla NBC e a sentirlo con le vostre orecchie, nel video integrale che abbiamo incorporato.

Otto ore di dibattito alla FDA, Food & Drug Administration, con dati, esperti e testimonianze per negare l’approvazione della terza dose del vaccino Comirnaty di Pfizer BioNTech se non alle persone a rischio. Le reazione avverse di natura cardiaca si verificano 71 volte più spesso a seguito di questi vaccini rispetto a qualsiasi altro vaccino.

In America la FDA doveva infatti decidere se approvare la terza dose per tutti gli over 16 anni. L’emittente televisiva CNBC ha trasmesso la riunione integralmente in diretta (vedi link sotto):

https://www.youtube.com/watch?v=WFph7-6t34Mc

Il dottor Joseph Fraiman, un medico di medicina d’urgenza a New Orleans, ha parlato per diversi minuti durante l’incontro e ha rivelato che non esistono prove cliniche per smentire le affermazioni secondo cui i vaccini Covid-19 stanno danneggiando più persone di quante ne salvino.

LEGGI ANCHE: Green Pass: due dosi all’anno in cambio della libertà

Abbiamo bisogno del vostro aiuto in prima linea, per fermare l’esitazione sul vaccino. Richiedete che i trial sulla terza dose siano sufficientemente estesi così da trovare una riduzione dei ricoveri ospedalieri. Senza questi dati, l’establishment medico non può smentire con sicurezza gli attivisti anti-vaccino che affermano pubblicamente che i vaccini danneggiano più di quanto salvano, specialmente nei giovani e sani. Il fatto che non abbiamo le prove cliniche per dire che questi attivisti hanno torto dovrebbe terrorizzarci tutti ha affermato. Al seguente link il suo intervento integrale:

https://www.youtube.com/watch?v= q3kqTbsrho4

Dopo di lui ha preso la parola Steve Kirsch, Direttore del Fondo per il trattamento precoce del Covid-19, che ha rivelato che i vaccini contro il Covid-19 stanno danneggiando più persone di quante ne stanno salvando.

Siamo stati portati a credere che i vaccini fossero perfettamente sicuri, ma questo semplicemente non è vero. L’indice VAERS mostra che gli attacchi di cuore si verificano 71 volte più spesso a seguito di questi vaccini rispetto a qualsiasi altro vaccino” ha esordito.

Steve Kirsch ha poi continuato la sua presentazione mostrando alcune slides dal titolo “Pfizer vaccine kills more people than it saves”.

Le diapositive hanno mostrato quanti decessi in eccesso sono avvenuti dopo la vaccinazione anti Covid-19 per salvare una vita. “Il VAERS (Vaccine Adverse Event Reporting System) è statisticamente significativo ed i numeri sono preoccupanti – ha continuato Steve Kirsch – se i vaccini avessero una protezione al 100%, e non è così, significherebbe comunque che uccidiamo due persone con il vaccino per salvare una vita” (vedi slide n. 9).

Quattro esperti hanno effettuato analisi utilizzando fonti di dati non statunitensi completamente diverse e tutti hanno riscontrato approssimativamente lo stesso numero di decessi correlati al vaccino in eccesso, circa 411 decessi per milione di dosi.

LEGGI ANCHE: Green Pass, un “lasciapassare” che discrimina

Ciò si traduce in 115.000 persone morte a causa del vaccino Comirnaty di Pfizer BioNTech. Il direttore del Fondo per il trattamento precoce del Covid-19 ha poi sottolineato alcune serie preoccupazioni sui dati provenienti da Israele.

I numeri reali confermano che uccidiamo più di quanto salviamo. E mi piacerebbe guardare i dati del ministero della salute israeliano sugli over 90 anni, dove siamo passati da un gruppo vaccinato al 94,4%, a una percentuale dell’82,9% vaccinato negli ultimi 4 mesi – ha concluso Kirsch – ottimisticamente significherebbe che il 50% dei vaccinati è morto e lo 0% dei non vaccinati è morto”. (vedi link sotto) dal min. h 04:20:15 al h 04:23:55

https://www.youtube.com/watch?v=WFph7-6t34Mc

Peter Marks, il principale regolatore dei vaccini della FDA, ha quindi chiesto ai membri del comitato di esaminare la totalità delle prove al fine di formulare la vostra raccomandazione conclusiva.

A seguito delle prove, hanno risposto con un clamoroso NO. 16 voti contrari e 2 favorevoli al booster ovvero l’agenzia non ha approvato la terza dose di richiamo per gli over 16 anni.

E in Italia? Attendiamo con impazienza che EMA e AIFA autorizzino la somministrazione dei vaccino Comirnaty di Pfizer BioNTech ai bambini dai 6 agli 11 anni prima per poi passare, probabilmente, alla fascia di età dai 6 mesi ai 5 anni.

Del resto come ha ricordato Romano Prodi a LA7 “il green pass è una invenzione del genio italiano, perché non si può mettere l’obbligo”. Cos’altro dovremmo aggiungere?

Il video ufficiale del meeting della Federal & Drug Administration: