Green Pass: si alza la voce di protesta dei lavoratori

Dal 15 al 20 ottobre è previsto uno sciopero nazionale per dire no ad una certificazione che, di fatto, violerebbe l’articolo 32 della Costituzione.

FOTO AGENZIA DIRE - WWW.DIRE.IT

di Stefano Pezzola

La stretta normativa del Governo nei confronti di tutti i lavoratori pubblici e privati, che dal 15 ottobre dovranno possedere il Green Pass (pena la perdita dello stipendio), sta scuotendo nel profondo le anime del popolo italiano.

Gli spiriti solitari che per mesi hanno tentato invano di opporsi al tandem “vaccino-Green Pass”, provando a far valere la propria diversità di pensiero, ogni giorno rischiano di rimanere intrappolati in questo circolo vizioso che, gradualmente, sta deturpando il dogma imprescindibile su cui dovrebbe basarsi ogni democrazia: la libertà di pensiero.

Al momento, l’Italia è infatti l’unica nazione europea ad introdurre il Green Pass obbligatorio, con il Governo che, di fatto, ha istituito l’obbligo vaccinale pur mascherandolo da certificazione verde. Infatti, non ha avuto il coraggio di promulgare una legge di obbligo per tutti i cittadini, ma ha emanato un decreto d’urgenza, valido solo sessanta giorni, che sostanzialmente recita: “lavoratore, o ti vaccini, o ti tolgo lo stipendio”.

Va sottolineato, però, che la privazione del lavoro da parte di un Governo non è prevista da nessun contratto nazionale collettivo, da nessuna legge ed è vietata da tutte le norme internazionali e per ultimo dal regolamento europeo 953/21. Inoltre, in ottemperanza al primo articolo della Costituzione italiana, che pone il lavoro quale bene supremo della democrazia, questo “aut aut” risulta decisamente anomalo.

Al di là della querelle infinita tra vaccinati e non vaccinati, gli italiani hanno compreso che, di fronte ad una grave repressione delle nostre libertà costituzionali, è necessario alzare, seppur a piccoli passi, la propria voce di protesta, dopo un lungo periodo trascorso tra silenzi, remissività e profondo malcontento.

Dal 15 al 20 ottobre, pertanto, è previsto uno sciopero nazionale per dire no a un Green pass che, di fatto, violerebbe l’articolo 32 della Costituzione. Ad annunciare la protesta è stata la Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali (FISI), che ha invitato a partecipare tutti i lavoratori dei settori in cui è previsto l’obbligo di presentare tale certificato.

Lo sciopero, come spiegato dallo stesso sindacato, “è stato proclamato per protestare contro il Green Pass e per chiedere la revoca di tutte le sospensioni per il personale sanitario non vaccinato perché discriminante e la non discriminazione di chiunque a qualunque titolo abbia scelto di non vaccinarsi”.

Difendere la Costituzione, nonché i nostri diritti, rimane un dovere inderogabile.

LEGGI ANCHE:
– Vaccini ancora nel caos: Moderna sospeso in Svezia, Danimarca e Finlandia
– La reazione avversa al vaccino COVID-19 non è un semplice sospetto
– Le persone continueranno a protestare pacificamente
– Oltre 50mila persone a Roma per manifestare contro il Green Pass – FOTO/VIDEO
– Non sarà l’ora di cambiare canale?
– Gridate prima che gridino le pietre
– Ecco perchè non vaccinerò mia figlia
– Giorgio Agamben: “Una mostruosità giuridica chiamata Green Pass”
– Anticorpi monoclonali: l’inchiesta della Corte dei Conti che ha travolto l’AIFA
– Calpestato il diritto costituzionale all’istruzione
– “BUGIE, VERITA’, MANIPOLAZIONI: controstoria della pandemia” il saggio del dr. Ranieri Guerra
– Green Pass? Una misura irrazionale
– Il Green Pass è un’Utopia!
– Torna l’influenza dopo un anno e mezzo di ferie…
– La verità di tv e giornali è sempre verità?
– Lo studio dello Spallanzani che demolisce il Green Pass
– Pino Cabras: “Avete ingannato un intero Paese”– Dalla Germania uno studio sui pazienti deceduti a causa del vaccino Covid-19
– Giu’ le mani dalle Mamme!
– Nunzia Alessandra Schilirò, Vice Questore di Roma: “Il green pass italiano è illegittimo ed è incompatibile con la nostra Costituzione”
– Green Pass: le contraddizioni del tanto “amato” lasciapassare
– Perchè i vaccinati sono così arrabbiati?
– I vaccini anti Covid-19 violano il Codice di Norimberga
– FDA boccia la terza dose  di vaccino sotto i 65 anni: 16 voti contrari e 2 favorevoli
– Green Pass: due dosi all’anno in cambio della libertà
– Green Pass, un “lasciapassare” che discrimina