La Chimera Nuoto in vasca nella fase regionale della “Coppa Brema”

I giovani atleti della società aretina hanno gareggiato nella prima fase dei campionati italiane a squadre. La manifestazione è terminata con un nono posto tra i maschi e un undicesimo posto tra le femmine

AREZZO – La Chimera Nuoto in vasca nella fase regionale della “Coppa Brema”. Questa manifestazione, ospitata dalla piscina di Massarosa, era riservata alla categoria Assoluti e configurava la tappa di qualificazione per i futuri campionati italiani a squadre in cui sono previste tre serie: A1, A2 e B.

La società aretina si è presentata con una formazione particolarmente giovane con atleti provenienti dal palazzetto del nuoto di Arezzo e dalla piscina comunale di Foiano della Chiana che sono riusciti a piazzarsi al nono posto nella competizione maschile e all’undicesimo posto nella competizione femminile, ottenendo così l’accesso alla prossima A2.

I ragazzi e le ragazze della Chimera Nuoto, nati tra il 2001 e il 2006, hanno gareggiato contro avversari più grandi e più esperti di società di tutta la Toscana ma, nonostante questo, sono riusciti a ben figurare e ad ottenere buone prestazioni cronometriche. A spiccare è soprattutto la prova di Eleonora Camisa del 2002 che si è piazzata prima nei 100 farfalla e seconda nei 200 farfalla, portando punti ad una squadra che faceva affidamento anche su Miryam Borgogni, Giuditta Rachini e Isabella Trojanis, mentre la formazione maschile è scesa in vasca con Giulio Bracciali, Fabio Ferrari, Gabriele Gambini, Matteo Meacci, Francesco Rotondo, Mirko Somma, Alessandro Tavanti, Luca Trojanis e Matteo Vasarri.

Gli atleti aretini sono riusciti in molte specialità a piazzarsi nei primi dieci posti, dimostrandosi così competitivi ai massimi livelli regionali e confermando la loro capacità di mantenere una buona condizione psicofisica anche nell’ultimo anno caratterizzato da restrizioni e da limitazioni negli allenamenti. «La “Coppa Brema” – spiega Marco Magara, tecnico degli agonisti della Chimera Nuoto insieme a Marco Licastro, – ci ha visti gareggiare con una squadra rinnovata dall’innesto di molti giovani dal settore giovanile che si sono messi alla prova tra gli Assoluti, dimostrando carattere nell’ottenere ottime prestazioni cronometriche e buoni piazzamenti».