Gli Stati Uniti versano altri 3.2 miliardi di dollari a Pfizer per l’acquisto del vaccino Covid-19

di Stefano Pezzola

Il governo degli Stati Uniti ha deciso di acquistare altre 105 milioni di dosi di vaccini COVID-19 di Pfizer BioNTech per una spesa di 3,2 miliardi di dollari.
Sono destinati ad una campagna di vaccinazione autunnale, anche se milioni di dosi di farmaci mRNA sono già state distrutte perchè scadute a causa della domanda da parte dei cittadini precipita dopo le innumerevoli notizie sulla loro inefficacia.

Il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha annunciato che, in collaborazione con il Dipartimento della Difesa, ha accettato di acquistare altri 105 milioni di dosi di vaccino COVID-19 di Pfizer.
Il contratto ha lo scopo di fornire dosi per una prossima campagna di iniezione autunnale e include opzioni per l’acquisto fino a 300 milioni di dosi.
La decisione è arrivata dopo una riunione del 28 giugno del Comitato consultivo per i vaccini e i prodotti biologici correlati (VRBPAC) della Food and Drug Administration degli Stati Uniti, che ha raccomandato di includere un componente specifico di Omicron nei colpi di richiamo COVID-19 negli Stati Uniti.

Pfizer trarrà un profitto significativo dal contratto raggiungendo profitti complessivi oltre i 30 miliardi di dollari nel 2022
Non vediamo l’ora di prendere in consegna questi nuovi vaccini specifici per varianti e di lavorare con dipartimenti sanitari statali e locali, farmacie, operatori sanitari, centri sanitari qualificati a livello federale e altri partner per renderli disponibili nelle comunità di tutto il paese questo autunno“, ha detto Dawn O’Connell, assistente segretario HHS per la preparazione e la risposta, ha detto nel comunicato stampa.