Il virus può continuare a vivere e proliferare nel naso e nella bocca dei vaccinati con farmaco mRNA

di Stefano Pezzola

Un nuovo interessante studio pubblicato su Nature il 25 aprile 2022 dal titolo “Le risposte sistemiche e mucose alle IgA sono indotte in modo variabile in risposta alla vaccinazione a mRNA contro il SARS COV-2 e sono associate alla protezione contro le infezioni successive” ritengo possa catturare l’attenzione di tutti gli attenti e scrupolosi lettori.
Al seguente link è possibile scaricare lo studio integrale:
https://www.nature.com/articles/s41385-022-00511-0

Il finanziamento per questo studio proviene da una sovvenzione della Fondazione del Canadian Institutes of Health Research, una sovvenzione della task force per l’immunità COVID-19, una sovvenzione della provincia dell’Ontario “Ontario Together”, una sovvenzione del team CIHR a CoVARR-Net, una donazione della Royal Bank of Canada e una donazione dalla Krembil Foundation alla Sinai Health System Foundation.
Lo studio è stato promosso da Salma Sheikh Mohamed e Jennifer L. Gommerman del Dipartimento di immunologia dell’Università di Toronto.
Affermano in apertura i ricercatori che “sebbene SARS-CoV-2 infetti il tratto respiratorio superiore, sappiamo poco sulla quantità, il tipo e la cinetica degli anticorpi (Ab) generati nella cavità orale in risposta alla vaccinazione COVID-19. Abbiamo raccolto campioni di siero e saliva dai partecipanti che hanno ricevuto due dosi di vaccini mRNA COVID-19 e misurato il livello di anti-SARS-CoV-2 Ab“.

SARS-CoV-2 è un virus respiratorio nuovo e altamente contagioso che si è rapidamente diffuso in tutto il mondo.
Il virus utilizza una proteina chiamata Spike e il suo dominio di legame del recettore associato (RBD) per interagire con l’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2) sulle cellule ospiti.
L’interazione tra Spike/RBD virale e ACE2 sulla superficie cellulare è il primo passo essenziale nell’infezione da SARS-CoV-2 e l’espressione di ACE2 sulle cellule epiteliali del tratto respiratorio superiore (URT) le rende suscettibili al virus aerosolizzato.

Pertanto, l’immunità nella mucosa orale e nasale è un’importante prima linea di difesa contro lo sviluppo di COVID-19.

La saliva è un importante biofluido in grado di fornire informazioni sulla risposta degli anticorpi mucosi (Ab) a SARS-CoV-2.
Infatti, le cellule epiteliali delle ghiandole salivari esprimono ACE2 e ospitano una popolazione significativa di plasmacellule produttrici di IgA.
Molti studi hanno dimostrato che IgM, IgG e IgA Ab contro le proteine SARS-CoV-2 Spike e RBD sono prontamente rilevabili nella saliva dei pazienti acuti e convalescenti COVID-19.
Non è chiaro se i vaccini COVID-19 somministrati attraverso la via intramuscolare parenterale generino una risposta anticorpale salivare simile e la natura e la cinetica di questa risposta sono mal caratterizzate.

Data l’importanza dell’immunità mucosale come difesa di prima linea contro l’infezione da SARS-CoV-2, gli studiosi hanno misurato l’Ab spike/RBD-specifico in campioni di saliva di partecipanti che avevano ricevuto vaccinazioni BNT162b2 (Pfizer/BioNTech) o mRNA-1273 (Moderna).
Hanno anche determinato se i livelli di anti-Spike / RBD IgG o IgA indotti dal vaccino differivano nelle persone che successivamente hanno sperimentato un’infezione da SARS-CoV-2.

Posso sintetizzare le conclusione dello studio evidenziando che i guariti da Covid-19 hanno prodotto IgA (anticorpi di classe A) che sono quelli che bloccano il virus nel naso o in bocca, prima che entri nel corpo.
Ai partecipanti è stato detto di non mangiare, bere o fumare almeno 30 minuti prima della raccolta.
Successivamente, la saliva è stata raccolta utilizzando tubi Salivette (Sarstedt, Numbrecht, Germania), un sistema di raccolta che consiste in un batuffolo di cotone che i partecipanti masticano esattamente per 3 minuti e posizionano in un tubo, che viene poi inserito in un tubo esterno più grande.
L’intero sistema viene filato in una centrifuga a 1000 × g per 5 minuti a temperatura ambiente.

I vaccinati con i farmaci mRNA hanno invece anticorpi IgG (interni) ma poco o nulla di anticorpi IgA, il che significa molto semplicemente che il virus può continuare a vivere e proliferare nel loro naso e nella loro bocca e può essere anche diffuso alle altre persone.

Verifichiamo i dati.
Solo l’11% e il 22% dei partecipanti vaccinati hanno avuto una risposta IgM rilevabile rispettivamente a Spike e RBD (dati non mostrati).
Concentrandosi quindi sulle risposte IgG e IgA, dopo due dosi di vaccino a mRNA il 94% e il 41% dei partecipanti erano positivi per IgG e IgA anti-Spike e il 93% e il 20% dei partecipanti erano positivi per IgG anti-RBD e IgA Ab.
Mentre nei vaccinati i livelli di IgG anti-Spike/RBD erano simili a quelli dei pazienti guariti da COVID-19, i livelli di IgA erano significativamente più bassi.