Israele: la circolazione criptica potrebbe provocare il riemergere di una generazione di una nuova variante minacciosa

di Stefano Pezzola

Oggi analizziamo uno studio (vedi il link in fondo all’articolo) in pre print pubblicato su ScienceDirect dal tiolo “Gestire una pandemia in evoluzione: circolazione criptica della variante Delta durante l’ascesa di Omicron“.

E questa volta non invito il lettore a leggere tutte le pagine dello studio finanziato dalla Ben Gurion University attraverso The Corona Challenge Covid-19 e dal Ministero della Salute israeliano.

La circolazione continua di SARS-CoV-2 provoca mutazioni e l’emergere di varie varianti. Fino ad ora, ogni volta che appariva una nuova variante dominante, sopraffaceva il suo predecessore dopo un breve periodo parallelo“.
Già dall’abstract sembra di leggere uno di quei gialli dove all’inizio ci scappa il morto e sai già chi è il colpevole.

E quindi vado a riassumere.
Omicron non ha spazzato via la variante precedente, che è super-resiliente e potrebbe riemergere come per vendetta.
C’è un pericolo reale di un’altra ondata internazionale di COVID a fine estate, con la variante Delta pronta a fare ritorno.

I nostri risultati evidenziano che la pandemia non è finita e suggeriscono che prima o poi ci sarà un’altra ondata, potenzialmente in estate o alla fine dell’estate“, ha affermato al Times of Israel il Prof. Ariel Kushmaro, che gestisce il laboratorio di analisi dell’Università Ben-Gurion del Negev e che ha condotto la ricerca.
Kushmaro e i suoi colleghi, tra cui la dottoressa Karin Yaniv, hanno scritto che secondo il loro modello di analisi Delta dovrebbe continuare a circolare in gran parte inosservato – ciò che chiamano circolazione criptica – fino a quando non provocherà una nuova ondata di contagi.

Se ciò dovesse accadere – conclude nello studio – la circolazione criptica menzionata potrebbe provocare il riemergere di un’onda di morbilità Delta o la possibile generazione di una nuova variante minacciosa“.
Del resto le calamità sono di due tipi: la nostra sfortuna e la fortuna degli altri.