La guerra contro i non vaccinati non sarà dimenticata

di Stefano Pezzola

Fomentare l’odio è uno strumento utilizzato dai tiranni e, negli ultimi due anni, leader politici, capi di agenzie, accademici, professionisti medici e personalità dei media hanno pubblicamente incoraggiato l’odio e la violenza, augurando una morte dolorosa a chiunque non accettava la narrazione dominante, ovvero decidendo consapevolmente di non far parte della sperimentazione clinica chiamata farmaco Comirnaty di Pfizer BioNTech.

In un eloquente e ponderano articolo, la giornalista Susan Dunham (vaccinata) riassume quanto appreso sull’odio e sugli attacchi ai non vaccinati.
“Solo poche settimane fa, l’obiettivo ammesso dei nostri leader era quello di rendere la vita invivibile per i non vaccinati. E come persone consapevoli e non violente, abbiamo accettato tutto quel dolore, trovandoci spesso a combattere nelle nostre stesse famiglie, in amicizie e nei luoghi di lavoro. Oggi, affrontiamo la dura verità che nulla di tutto ciò era giustificato e, così facendo, scopriamo una lezione preziosa”.
“Sapevamo bene che la diminuzione dell’immunità metteva un gran numero di persone completamente vaccinate alla pari con la minoranza dei non vaccinati, eppure li abbiamo contrassegnati come persone da condannare ed emarginare. Abbiamo detto che non avevano fatto la cosa giusta, che erano egoisti, osservando con compiacimento di vederli privati dei diritti fondamentali finanche il lavoro e l’assegno alimentare”.
“E così è stato per la cosciente ignoranza della scienza, per l’assoluto mancanza di educazione civica e per l’apatia dell’accettare una bieca politica accanirsi verso i non vaccinati. Oggi non possiamo camminare a testa alta, non abbiamo deciso con consapevolezza e ragionevolezza, rifuggendo dall’amore e soprattutto dalla verità. Taluni di noi  desideravamo ferocemente la morte per i non vaccinati. Il meglio che possiamo fare adesso è sederci, provando pietà per la nostra rabbiosa disumanità, per la nostra incapacità di valutare appieno le cose, cercando sempre un altro a cui dare la colpa delle nostre sventure”.
“È stato grazie alle persone che abbiamo cercato di confinare ai margini che abbiamo toccato il fondo, che abbiamo abboccato alla narrazione dominante che ci ordinava di odiarli. Ma la loro perseveranza ci ha dato il tempo di vedere che ci sbagliavamo. Sembra che in questo momento i richiami vaccinali torneranno molto presto, ma questa volta c’è la speranza che molti di noi li vedano per quello che sono: un autoritarismo crescente che non ha alcuna base scientifica e/o preoccupazione per il nostro benessere”.
Susan Dunham affronta la questione dal punto di vista di coloro che si sono innamorati del comando ipnotico di disprezzare chiunque – amici e familiari inclusi –  si rifiutasse di accettare le dosi dei farmaci mRNA contro il COVID-19.

“Come stai scegliendo di affrontare i prossimi obblighi vaccinali? Che cosa hai imparato nell’ultimo anno? Sospetto che molti di noi siano davvero disposti a chiedere scusa, ma alcuni continueranno a far finta di nulla, a non voler parlare di ciò che abiamo accettato e di ciò che abbiamo fatto nei confronti di familiari e amici”.
“Alcuni hanno rimosso tutto, altri fanno finta che nulla sia successo. Come se i nostri leader abbiamo in fondo perseguito il bene comune”.

L’ignoranza rimane ancora dominante.
Sorprendentemente, ancora oggi, alla luce di tutte le informazioni pervenute, degli studi scientifici, delle migliaia di reazioni avverse , insomma con tutto ciò che sappiamo riguardo i farmaco mRNA contro il Covid-19, la guerra contro i non vaccinati continua.
E se un pizzico di compassione sta lentamente tornando, l’ignoranza abbonda ancora.
Sono favorevole a incoraggiare le persone a farsi vaccinare; ho ricevuto il mio ciclo primario e la dose aggiuntiva/booster, ma mi chiedo: quanto è necessaria e quanto durerà ancora questa guerra ai non vaccinati?”.
E se adesso decidessi di non accettare la prossima dose perchè la terza mi ha creato moltissimi problemi o semplicemente perchè adesso temo per la mia vita e in fondo non ne era a conoscenza di molto informazioni, il governo tornerà ad occuparsi di forzare e spaventare le persone invece di informarle sinceramente ed io passerò al lato oscuro dei non vaccinati?“.

Se una persona viene obbligata alla scelta tra andare al lavoro o centro di vaccinazione, sceglie purtroppo semplicemente l’opzione dove ci sono soldi che gli servono per vivere.
Questa è l’amara e disumana realtà.
Ma molte persone hanno perso il lavoro o sacrificato le loro carriere rifiutando i farmaci mRNA.
Un numero sufficiente di persone avrà imparato la lezione? Avranno riconosciuto cognitivamente che cosa hanno accettato in questi due anni? O cadranno ancora una volta nella trappola? Solo il tempo lo dirà“.

Con il COVID, ci sono voluti appena due mesi perché la società passasse da “siamo tutti in questo mondo insieme”, a dichiarare guerra a parte della popolazione.
Ironia della sorte, alla fine, condanneremo al proprio destino coloro che desiderano ancora oggi il male degli altri, dei non vaccinati, perché, alla fine, la verità diventerà conoscenza comune e tutti prenderanno coscienza del danno irreparabile inflitto a tutta la popolazione obbligandola all’uso di una tecnologia medica sperimentale genica.
La derisione probabilmente non sarà la misura della punizione inflitta una volta che avverrà il risveglio di questa massa critica.
Coloro che hanno accettato la vaccinazione con farmaci mRNA non sono più premurosi verso gli altri di quelli che non lo hanno fatto.
Entrambi rappresentano lo stesso rischio per gli altri, è bene metterlo in testa.

E, se entrambi presentano lo stesso rischio, perché prendere di mira una parte per deriderla?
Oltre che irrazionale, mostra in modo inconfutabile che la mente di alcuni è oggi sotto l’incantesimo ipnotico del controllo delle masse.
Incapaci nel peggiore dei modi, incapaci di vedere la realtà.
Ma capaci ancora di odiare.
Il vaccinato si sentiva al sicuro.
Ed invece ha ricevuto un “rito vaccinale” quasi completamente inutile, ovvero dosi ripetute e ravvicinate di farmaco mRNA tutt’altro che infallibili.
Questo è il potere dell’ipnosi.

Anche quando vedi i puntini, non riesci a collegarli per trarre una conclusione razionale.
La propaganda e le false informazioni con cui siamo stati bombardati negli ultimi due anni e mezzo sono davvero senza precedenti.
“Gli americani oggi comprendono chiaramente che il governo federale e i principali media hanno mentito loro ripetutamente e sono completamente corrotti dalle aziende farmaceutiche” conclude Susan Dunham.
E nel nostro bel Paese?
Fonte:
https://www.thedailyexaminer.co.nz/what-we-learned-from-hating-the-unvaccinated/