Massachusetts: è ormai evidente che i vaccini non fermano la trasmissione del virus

di Stefano Pezzola

Un articolo pubblicato sul Boston Herald il 12 maggio 2022 dal titolo “Coronavirus in Massachusetts: 5.576 nuovi casi di COVID” cattura oggi la mia attenzione.
Al seguente link è possibile leggere l’articolo a firma Sean Philip Cotter:
https://www.bostonherald.com/2022/5/12/coronavirus-in-massachusetts-5576-new-covid-cases-16-deaths-as-metrics-rise/

I funzionari della sanità statale hanno segnalato 728 persone negli ospedali affetti da coronavirus, anche se soltanto 230 di loro sono in realtà a causa del virus, il resto sono ricoverati per un motivo non correlato al Covid“.
La corretta divulgazione di dati e informazioni avrebbe reso necessaria una vaccinazioni di massa per evitare che gli ospedali fossero affollati da pazienti affetti da Covid?
La risposta è certamente NO.

È ormai evidente che i vaccini non fermano la trasmissione, ed allora perchè continuare a chiamarli vaccini?
Gli ospedali non sono occupati da pazienti che sono effettivamente ricoverati a causa del Covid.
Quelli che sono oggi ricoverati a causa del Covid sono per lo più vaccinati e comunque alcuni di loro potrebbero trovarsi in ospedale anche per reazioni avverse al vaccino stesso a causa della compromissione della loro risposta immunitaria.