Ministero della Salute: domandare è un diritto, rispondere dovrebbe essere un dovere

di Stefano Pezzola

Al seguente indirizzo:
https://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/18/Sindisp/0/1350000/index.html?fbclid=IwAR2Pzh9nfTOEVWjOmQoffiKgpXtCgUqcgJHym3i2U1b3z23esWiGVpvpP9s
è possibile consultare l’atto n. 4-07021 pubblicato il 12 maggio 2022 riferito alla seduta n. 432 del Senato della Repubblica.
Scrivono gli estensori della richiesta inoltrata al Ministero della Salute.

***
Premesso che a quanto risulta agli interroganti:
– la determina con la quale AIFA (Agenzia italiana del farmaco) ha stabilito l’autorizzazione ai vaccini contro il SARS-Cov-2 era condizionata alla presentazione da parte delle case farmaceutiche del PSUR, il rapporto periodico di aggiornamento sulla sicurezza;
– il 29 novembre 2021 i legali di due associazioni (“Istanza diritti umani” e “Diritti umani e salute”) ha fatto richiesta di accesso agli atti per ottenere le relazioni sulla sicurezza dei vaccini Pfizer-Biontech, Moderna, Astrazeneca e Johnson&Johnson;
– AIFA avrebbe risposto che i rapporti sulla sicurezza dei vaccini hanno natura riservata, sono di proprietà delle case farmaceutiche e l’Agenzia del farmaco non possiede la documentazione richiesta;
– considerato che quando le due associazioni si sono rivolte a EMA (Agenzia europea del farmaco), questa ha risposto che i report non possono essere divulgati per non pregiudicare il processo decisionale sull’autorizzazione incondizionata, perché rientrano nel regolamento dell’ordine pubblico e in quello del segreto militare, perché l’interesse di non incidere sulla decisione finale (che riguarda l’autorizzazione) prevale sull’interesse pubblico;
– considerato, inoltre, che alle richieste (del 14 marzo e del 14 aprile) da parte delle due associazioni ad AIFA circa la pubblicazione degli studi scientifici, di cui l’agenzia aveva parlato pubblicamente durante la presentazione del rapporto annuale sulla sicurezza dei vaccini, l’Agenzia del farmaco ha risposto di non ravvisare un interesse diretto e concreto da parte delle due associazioni che possa giustificare la divulgazione di atti scientifici;
considerato, infine, che:
– secondo i dati dell’agenzia britannica “Airfinity”, pubblicati dal “Financial Times”, le citate case farmaceutiche somministrano in tutto il mondo la metà delle dosi che venivano somministrate a fine 2021. Le vendite globali, stime alla mano, non dovrebbero raggiungere quest’anno quota sei miliardi di dosi, una cifra molto al di sotto di quei nove miliardi inizialmente previsti dalle aziende farmaceutiche. Un problema non da poco per i colossi di “Big Pharma”, che infatti continuano a lanciare disperati appelli invocando quarte dosi e promettendo a breve nuovi vaccini, più efficaci;
– con un consumo sempre inferiore, il rischio è che i vaccini finiscano per scadere. Un problema al quale Pfizer, per esempio, ha cercato di porre riparo chiedendo e ottenendo all’ente regolatorio della Svizzera l’estensione della scadenza a dodici mesi. In caso contrario, quattrocentomila fiale sarebbero finite nella spazzatura;
– a settembre scorso, anche l’Italia aveva stabilito una proroga simile, allungando la validità da marzo a giugno 2022,

si chiede di sapere:
– se il Ministro in indirizzo sia a conoscenza delle vicende in questione;
– se non ritenga che gli studi scientifici non siano, per loro natura, pubblici;
– se non ritenga che sia indegno di un Paese civile far rientrare nel segreto militare i dati sulle reazioni avverse a dei vaccini e se non intenda abrogare quel segreto;
– se non ritenga che, data l’obbligatorietà dei vaccini per alcune categorie sociali, sia come minimo dovuto a quelle persone la conoscenza completa di cosa gli si sta iniettando nel loro corpo;
– se ritenga che la scadenza di un vaccino possa dipendere dalla necessità di smaltirne gli stock e non dalla loro effettiva durata di efficacia;
 – se ritenga che i vaccini debbano essere somministrati anche se potenzialmente inefficaci o addirittura dannosi perché scaduti.

Preme ricordare al disattento lettore che il farmaco/vaccino Comirnaty di Pfizer BioNTech arrivava a -80° scortato dall’Esercito e adesso viene inoculato anche a +30° con scadenza prorogata di sei mesi sulla data indicata nelle fiale.
E poi qualcuno dice che non capiamo la scienza?