Rimini, arrivano le prime Olimpiadi da spiaggia

110

RIMINI – Beach volley, beach soccer, foot volley, beach tennis. Sono tutte attività sportive che si praticano in riviera, d'estate, sul bagnasciuga. Ma da quest'anno diventano tema di sfida sportiva a tutti gli effetti. Una piccola Olimpiade da spiaggia, quella che si celebrerà su 110 km di costa adriatica, in attesa dei Giochi Olimpici di Pechino, che prenderanno il via il prossimo 8 agosto.
In Romagna, invece, dal 31 luglio al 3 agosto, da Comacchio a Cattolica, verrà allestito il grande palcoscenico dei 'Riviera Beach Games', un'occasione straordinaria per riunire tutti i big e gli appassionati delle discipline regine dell'estate per dare vita a vere e proprie competizioni sulla sabbia.
Tante le gare, in alcuni casi di grande livello agonistico, a cui si potrà assistere, ma anche tante le gare a cui si potrà partecipare: da quelle di beach tennis, attività dall'origine tutta italiana (Marina di Ravenna ospiterà, in occasione dei Beach Games, i campionati Mondiali dal 28 luglio al 3 agosto, mentre Riccione sarà scenario degli Europei dal 31 luglio al 3 agosto), a quelle di beach volley, beach soccer, beach rugby, beach handball, passando per le sfide di foot volley (con gli Europei a Cervia dall'1 al 3 agosto), beach frisbee (disciplina di cui Rimini è diventata "regina", grazie all'annuale appuntamento mondiale del Paganello), fino alla disputa di regate, pedalonghe (spettacolari sfide con i classici pedalò) e gare di nuoto.
Nel cartellone di questa prima Olimpiade dei giochi da spiaggia anche altre attività, comprese il tiro alla fune e il gioco delle biglie (il cosiddetto Cheecoting, con le piste costruite da 'artisti' delle sculture di sabbia), coinvolgendo decine di stabilimenti balneari di Cattolica, Rimini, Riccione, Cervia, Cesenatico, Misano Adriatico, Bellaria Igea Marina, San Mauro Pascoli, Gatteo Mare, spiagge di Ravenna e Comacchio.
Le gare amatoriali saranno aperte a ragazzi e ad adulti che così, dopo aver applaudito i big delle varie discipline, potranno a loro volta sentirsi star per un giorno, sfidandosi sotto i riflettori di questa grande festa sportiva che si propone come evento aperto a tutti, in particolare agli ospiti più piccoli.
A rendere più suggestivi i Riviera Beach Games, ufficializzando il loro connotato di Olimpiade dei giochi di spiaggia, in ogni Comune coinvolto l'inaugurazione avverrà con l'accensione del braciere olimpico con una fiaccola che sarà portata da un tedoforo vip (un personaggio dello sport, dello spettacolo o un rappresentante istituzionale). Il braciere olimpico, che ogni località sceglierà di collocare in una posizione strategica e di grande impatto visivo, rimarrà acceso fino a domenica 3 agosto, giornata di chiusura dei Giochi.
Le motivazioni che guidano nella scelta delle mete di vacanza, del resto, sono sempre più spesso legate allo sport, inteso come sano elemento di benessere e divertimento. Nel 2007 gli italiani hanno speso per turismo sportivo 6,3 miliardi di euro: è uno dei dati emersi da un'indagine condotta dall'Osservatorio Econstat sul Turismo Sportivo.
La ricerca, svolta nel marzo 2008, fornisce il quadro completo del valore, della struttura, e dei fattori competitivi relativi al mercato rappresentato dai viaggi dedicati allo sport, sia che si tratti di viaggi per praticare (73%), per assistere ad eventi (16%) o anche per accompagnare familiari impegnati attivamente (11%).
Sempre alla ricerca di nuove attrattive turistiche e all'avanguardia per ciò che concerne le proposte di vacanza attiva, la Riviera emiliano romagnola ha fatto tesoro di questi dati per realizzare, sotto un'unica regia, una vera e propria Olimpiade dei giochi da spiaggia.