AREZZO – I Master della Chimera Nuoto lanciano l’assalto al record italiano nella staffetta 4×200 stile libero. Quattro nuotatori aretini, impegnati nel settore agonistico rivolto a chi ha superato i venticinque anni di età, tenteranno l’impresa in occasione dell’11° trofeo “Città di Bastia” di domenica 1 maggio, quando scenderanno in vasca a Bastia Umbra con l’obiettivo di bloccare il cronometro sul miglior tempo mai realizzato in Italia. Il compito di raggiungere questo obiettivo spetterà a Giulia Fucini, Enrico Lippi, Stefania Roncolini e Riccardo Rossi che, dopo mesi di allenamenti, uniranno le forze per rendere indelebile il nome della Chimera Nuoto nel panorama nazionale dei Master. Questa ambizione è tenuta in vita dai grandi risultati ottenuti negli ultimi mesi dagli atleti aretini che hanno ben figurato in tutte le gare disputate e che si sono dimostrati in assoluto tra i più forti e i più completi d’Italia.

Due di loro, Fucini e Lippi, hanno recentemente concluso l’IronMaster, un circuito che li ha visti mettersi alla prova attraverso tutte le diciotto specialità del nuoto, gareggiando in ogni stile e in ogni distanza (dalle brevi di 50 metri alle lunghe di 1.500 metri). Questa sfida, già completata due anni fa da Enrico Polendoni della Chimera Nuoto, richiede ad ogni atleta di superare i propri limiti e di mostrare una preparazione globale, attraverso un programma di almeno nove gare che ha messo a dura prova i due rappresentanti della Chimera Nuoto. Il primo ad aver finito il circuito è stato Lippi tagliando il traguardo dei 200 rana a Livorno nella categoria Master35, mentre successivamente è stata la volta di Fucini che a Genova ha concluso il circuito nella stessa specialità nei Master25 ed è diventata la prima donna della Chimera Nuoto ad aver compiuto questa impresa. Il risultato finale è andato oltre ad ogni aspettativa perché Fucini e Lippi si sono piazzati al primo posto nazionale nella classifica IronMaster, una posizione di assoluto prestigio che li configura come i migliori Master tricolori nelle rispettive categorie e che proveranno a difendere fino al termine della stagione per essere premiati in occasione dei prossimi Campionati Italiani di Riccione. «Il circuito IronMaster ha rappresentato una sfida particolarmente impegnativa – spiega Fucini, – che ci ha portati a superare i nostri limiti fisici e mentali. Io e Lippi siamo velocisti e siamo abituati alle brevi distanze, dunque non è stato semplice mettersi alla prova anche in gare fino a 1.500 metri e in stili diversi. Questo traguardo ci fornisce i giusti stimoli per tentare un’altra impresa: domenica, in squadra con Roncolini e Rossi, vogliamo infrangere il record italiano nella 4×200 stile libero».