A Bergamo Festival dell’agricoltura che accompagna il G7

61

Bergamo, 4 ott. (Labitalia) – Un festival con decine di eventi, laboratori, convegni per accompagnare il G7 dell’agricoltura: Bergamo si prepara al vertice sul futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura del 14 e 15 ottobre con un calendario di appuntamenti e iniziative, a partire da sabato 7 ottobre e fino al 15, che coinvolgono tantissime associazioni del territorio e ospiti di rilievo nazionale e internazionale. I primi appuntamenti di ‘AgricUltura’, la settimana agricola di Bergamo, verranno presentati giovedì 5 ottobre, nella Sala Cavalli di Palazzo Frizzoni. Le iniziative coinvolgono tantissime associazioni del territorio e ospiti di rilievo nazionale e internazionale: laboratori, mercati, degustazioni e convegni volti a sensibilizzare il cittadino sulla tematica dell’agricoltura a filiera corta e attenta all’ambiente.
Fra questi, ‘Il biologico come modello di sistemi agricoli sostenibili’, che si terrà giovedì 12 ottobre, dalle 10 alle 12, nell’Aula consiliare di Palazzo Frizzoni. A due anni dalla condivisione della Carta del biologico in Expo Milano 2015 e a partire dalle esperienze dei Paesi del G7 e delle principali organizzazioni internazionali, si discuterà al fine di definire una dichiarazione comune che dia rilievo all’agricoltura biologica come strumento di trasformazione dei sistemi agricoli mondiali.
Tra gli appuntamenti più interessanti della settimana, in ordine cronologico: conferenza sul ‘Futuro del cibo’, convegno sull’’Agricoltura urbana di qualità’ organizzato dal Parco dei Colli, l’incontro con Vandana Shiva, il seminario di Save The Children, i tre giorni su ‘Agrogeneration’ organizzati dal Mipaaf, il convegno sull’indice globale della fame 2017. L’Ex Monastero di Astino ospiterà, inoltre, ‘Astino nel gusto’, tra cooking show d’autore e degustazioni firmati, tra gli altri, da alcuni degli chef più noti del panorama nazionale.
“Ospitare l’incontro dei ministri dell’Agricoltura del G7 è per Bergamo sia un onore che un’opportunità da cogliere pienamente. L’evento si svolgerà il 14 e 15 ottobre. Lo accoglieremo in alcuni tra i luoghi più suggestivi della città. Per due giorni la nostra comunità, la nostra regione, l’Italia diverranno il centro del confronto sulle sfide globali dell’agricoltura e dell’alimentazione, su temi fondamentali per il nostro futuro, quali l’uso di tecnologie e innovazioni ‘verdi’, la cura della biodiversità, la lotta alla fame e agli sprechi nel mondo. Proprio perché sia anche una opportunità di riflessione, in grado di mobilitare tutti gli attori del territorio e di interessare direttamente i cittadini, abbiamo voluto accompagnarlo, nei giorni immediatamente precedenti, da una settimana di iniziative, le più diverse, sui temi del diritto al cibo e dell’agricoltura sostenibile”, ha spiegato il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori.
“La ‘Settimana dell’agricoltura e del diritto al cibo’ – ha proseguito – è a questo punto davvero qualcosa di più che un ‘antipasto’ del G7: è un’articolata riflessione sui modelli di produzione agricola, sulla valorizzazione delle colture sostenibili, sulla ricchezza delle produzioni agroalimentari del nostro Paese e del nostro specifico territorio, sulle politiche di tutela dei piccoli produttori e sulle esperienze di contrasto dello spreco alimentare. C’è scienza e divulgazione, confronto dialettico e intrattenimento, tecnologia e solidarietà. Siamo molto fieri di questo progetto e siamo grati a quanti, dal ministero delle Politiche agricole, ambientali e forestali alla Provincia, dalle rappresentanze di categoria alle associazioni, hanno attivamente operato con noi per concretizzarlo”.
“Bergamo ospita dunque il G7 dell’agricoltura con il giusto grado di consapevolezza intorno ai temi che ne animeranno gli incontri, così da poter scommettere che l’evento del 14 e 15 ottobre lascerà il segno, e costituirà motivo, nei prossimi anni, per porre ancora più energia nell’affermazione dell’agricoltura sostenibile come leva di sviluppo economico, di qualificazione dei costumi alimentari e di valorizzazione del nostro territorio”, ha concluso.