Guida sicura sul web Connessi contro la violenza: un progetto scolastico contro i pericoli della rete

L’assessore Lucia Tanti: “dentro la scuola con valori forti”

538

“Guida sicura sul web. Connessi contro la violenza”, è questo il nome del progetto, che ha il patrocinio e il sostegno del Comune di Arezzo, promosso dall’Azione Cattolica, con l’intento di educare all’uso consapevole di internet. L’iniziativa coinvolge due classi della scuola secondaria inferiore IV Novembre per l’anno scolastico 2017/2018 ed è a cura della psicoterapeuta Elisa Marcheselli. Anche Estra è partner del progetto.
“Il progetto è nato con lo scopo di promuovere una media education che possa informare e fare chiarezza sui fenomeni collegati a un uso improprio del web e delle tecnologie oggi disponibili. Nello specifico verranno trattati alcuni aspetti molto attuali e fornite le definizioni di fenomeni illegali: hate speech, cyberbullismo, cyberstalking, cyberpedofilia, reverenge porn, sexting, phishing, Deep Web. L’obiettivo è quello di fornire strumenti per prevenire questi pericoli della rete” spiega Elisa Marcheselli.
“Il tema è quello di una educazione civica da riportare all’interno delle scuole. E’ un’iniziativa che non è uno spot, ma fa parte di una serie di iniziative, tra le quali l’ordinanza anti alcol, a difesa dei minori. La scuola IV Novembre si è dimostrata molto sensibile e attenta a questa proposta venuta dall’Azione Cattolica, un’associazione che trasmette valori positivi. Tutto questo è fondamentale per permettere a tutti gli interlocutori, a livello istituzionale, e contestualmente ai genitori, di comprendere le diverse tipologie di comportamenti e azioni inerenti il cybercrime spesso confuse o etichettate sotto un unico nome: cyberbullismo. In realtà il fenomeno, purtroppo, è molto più articolato” ha sottolineato l’assessore Lucia Tanti.
Francesco Schiatti, rappresentante dell’Azione Cattolica: “la nostra associazione impegnandosi per la vita dei ragazzi che segue ritiene fondamentale un accompagnamento nella crescita quotidiana e un aiuto nell’affrontare i problemi di tale crescita. L’impegno contro il bullismo e il cyberbullismo è quindi oggi uno degli aspetti fondamentali su cui lavorare. Per questi motivi promuoviamo e sosteniamo con forza e convinzione questa iniziativa”.
Elisabetta Batini, insegnante della scuola IV Novembre: “il nostro istituto si impegna da tempo nella prevenzione di atteggiamenti scorretti nell’uso del web, anche in collaborazione con enti del territorio. L’impegno è duplice sia nei confronti degli alunni sia delle famiglie. Quindi, abbiamo accolto con favore questa iniziativa che rientra pienamente nella nostra offerta formativa, volta a educare cittadini consapevoli”.
Il presidente di Estra Francesco Macrì: “il mondo della telematica ci sta travolgendo. E’ per questo che sosteniamo le nuove generazioni che devono fare un uso consapevole del web, dove si commettono tante azioni scorrette. I giovanissimi oggi hanno più una vita social che reale. Per stare in questa realtà parallela è giusto che l’amministrazione, insieme a professionisti del settore, contribuisca a dare delle regole per un uso corretto di internet”.