Roma: Fiano, sgombero causato da inerzia Raggi

118

Roma, 24 ago. (AdnKronos) – “A Roma, viene effettuato uno sgombero di persone con regolare status di rifugiato, oppure in possesso di permesso umanitario, che occupavano abusivamente uno stabile, da tempo. La Sindaca di Roma che ha deciso lo sgombero, ha deciso di non occuparsene, dopo lo sgombero, se non proponendo soluzioni parziali e non accettate da tutti i rifugiati. Dopodiché basta, le persone sono state lasciate a se stesse, senza soluzioni. Prive di assistenza, per strada”. Lo dichiara Emanuele Fiano del Pd.
“In Piazza indipendenza dormivano a cielo aperto da giorni decine e decine di persone, bambini che frequentano la scuola, genitori che lavorano. Le Forze dell’Ordine sono dovute intervenire, perché quello che succedeva non poteva continuare, per il rispetto della legge, per i rifugiati stessi, per la loro condizione umana, per la città, e anche per il pericolo di reazioni pericolose da parte di alcuni di loro. Perché Ianciare una bombola da una finestra è molto pericoloso”.
“Le Forze dell’Ordine sono dovute intervenire per riempire un vuoto di governo dell’amministrazione capitolina. Tutto ciò non toglie che noi chiederemo sempre alle forze dell’ordine di richiamarsi comunque ai più fondamentali valori etici anche quando si opera come loro fanno in situazioni difficili e pericolose. Così come la stragrande maggioranza di loro fa ogni giorno dell’anno. Sanare gli abusi è giusto, sempre mantenendo la misura del rispetto umano”, conclude.